17-arrestati-per-asso-a-delinquere,-“profumi-dell’est”-in-commercio-prodotti-contraffatti

17 arrestati per asso a delinquere, “profumi dell’est” in commercio prodotti contraffatti

17 arresti, associazione a delinquere, Profumi dell’est contraffatti

17 arresti, associazione a delinquere, Profumi dell’est contraffatti

17 arresti – I militari della Guardia di Finanza di Torino e Gorizia hanno eseguito, nell’ambito dell’operazione denominata “Profumi dell’Est”, un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip nei confronti di 17 persone di origine rom-macedone (di cui 5 agli arresti domiciliari e i restanti 12 sottoposti all’obbligo di presentazione quotidiana alla polizia giudiziaria), indiziate di appartenere, nell’ipotesi accusatoria, a una associazione per delinquere finalizzata all’introduzione, nel territorio dello Stato, di profumi e accessori di abbigliamento recanti segni distintivi di note griffe contraffatti, destinati alla commercializzazione nei mercati rionali del Piemonte, della Lombardia e della Liguria.

L’attività di polizia giudiziaria in corso, coordinata dalla Procura della Repubblica del capoluogo piemontese – Direzione Distrettuale Antimafia e condotta dal Nucleo di polizia economico finanziaria Torino con l’ausilio della Compagnia Monfalcone, è mirata a disarticolare un sodalizio, attivo sin dal 2017, in ordine alla cui esistenza sono stati acquisiti elementi gravemente indizianti mediante un’approfondita indagine, svolta anche attraverso intercettazioni telefoniche e il posizionamento di telecamere e GPS veicolari, che ha portato al sequestro di oltre 18 mila prodotti “tarocco”.

Nell’ipotesi degli investigatori, infatti, l’organizzazione illecita avrebbe introdotto in commercio profumi, cosmetici, accessori di abbigliamento, pelletteria, occhiali e orologi recanti prestigiosi marchi contraffatti (Versace, Paco Rabanne, Gucci, Dolce e Gabbana, Chanel, Dior, Yves Saint Laurent, Ray Ban, Emporio Armani, Tommy Hilfiger, ecc.), provenienti, nella gran parte dei casi, dall’Ungheria.

L’operazione in rassegna costituisce ulteriore conferma dell’azione che la Guardia di Finanza svolge a contrasto del fenomeno della contraffazione, a salvaguardia del tessuto produttivo italiano e a tutela della competitività delle imprese domestiche a livello internazionale.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *