a-deruta-il-progetto-“luce-e-colore-rinascimento-umbro”-–-umbria

A Deruta il progetto “Luce e colore rinascimento umbro” – Umbria

Laboratorio diagnostica per quinto centenario morte del Perugino

(ANSA) – PERUGIA, 05 NOV – E’ iniziata l’attività di ricerca diretta da Vittoria Garibaldi, insieme al suo team, sulle opere di Pietro Vannucci: il sindaco di Deruta, Michele Toniaccini, ha incontrato la dottoressa Garibaldi, nel palazzo comunale, sede della Pinacoteca comunale, dove è esposto un affresco del Perugino, Padre Eterno, San Romano e San Rocco. L’iniziativa fa parte del progetto “Luce e colore rinascimento umbro: da Perugino a Raffaello. Indagini diagnostiche sulla materia e le tecniche esecutive”, cui il Comune di Deruta ha aderito e promosso nell’ambito delle manifestazioni per il cinquecentenario della morte del Perugino.

    Vittoria Garibaldi, coordinatrice generale del progetto, è direttore tecnico scientifico del laboratorio di diagnostica per i Beni Culturali di Spoleto e coordinatrice di Icom Umbria, già soprintendente ai Beni storici e artistici dell’Umbria. “Luce e colore rinascimento umbro” fa parte dei 16 progetti ammessi a finanziamento dal Comitato promotore delle celebrazioni per il quinto centenario della morte di Pietro Vannucci.

    All’incontro erano presenti, fra gli altri, Ilaria Tamburi del Comune di Deruta e le dottoresse Manuela Vagnini e Michela Azzarelli (LabDia).

    “Le celebrazioni per questo straordinario evento – ha detto il sindaco Toniaccini – consentono non solo di riscoprire opere di inestimabile valore artistico e storico-culturale, ma anche di valorizzare i luoghi in cui sono conservate”. “L’acquisizione di dati scientifici, attraverso indagini diagnostiche – ha spiegato Vittoria Garibaldi – consentirà di raccogliere, in modo sistematico, informazioni preziose sulle opere del Perugino, conservate nel territorio umbro, i cui risultati termineranno nel 2023 con una pubblicazione e, qualora sarà possibile, anche con un documentario scientifico-divulgativo, che darà ancora più luce ai luoghi dell’artista”. (ANSA).

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *