a-santa-maria-degli-angeli-e-ancora-emergenza-rifiuti-abbandonati

A Santa Maria degli Angeli è ancora emergenza rifiuti abbandonati

Ormai un’abitudine continuativa che non giova al territorio, urgono maggiori controlli

8 Settembre 2022 Cronaca 59

A Santa Maria degli Angeli è ancora emergenza rifiuti abbandonati

È ancora emergenza rifiuti abbandonati a Santa Maria degli Angeli. Nuovamente immondizia abbandonata e sporcizia al di fuori della campane del vetro o vicino ai contenitori destinati alla raccolta indumenti usati, una cosa brutta da vedere agli occhi che non giova alla città e al territorio. E stamattina, giovedì 8 settembre 2022, oltre ai soliti sacchi lasciati a terra, anche bottiglie di birra fuori alla campana del vetro di via Gabriele D’Annunzio. In troppi proseguono ancora per maleducazione, incuranti del bene comune territoriale, a lasciare al di fuori dei contenitori per il vetro il materiale giacente a terra.

Numerose le lamentele da parte di chi le “regole” le rispetta, in un periodo già complicato per gli aumenti dovuti al caro energia: “Certi episodi gravano su coloro che devono ripulire e su tutti quelli che sono chiamati al corretto rispetto della raccolta differenziata e a sostenere i relativi costi in merito (TARI, ndr), è per questo che anche chi controlla dovrebbe farlo con accuratezza punendo i responsabili (nella zona sono state installate delle telecamere, a quanto pare non sufficienti, ndr)” – lo sfogo di alcuni residenti raccolto da Assisi News.

La segnalazione sull’emergenza rifiuti abbandonati arriva infatti ancora da parte di alcuni cittadini e riguarda come spesso avvenuto in passato via Gabriele D’Annunzio. Una brutta abitudine, quella degli ammassi di rifiuti abbandonati a terra, ancora più deturpante vista la raccolta differenziata ormai da anni in vigore ad Assisi. Tempo fa, pure uno stendino era stato trovato appoggiato ai contenitori bianchi quando doveva essere portato all’isola ecologica. Urgono nuovamente controlli e verifiche, con multe già comminate in passato.

© Riproduzione riservata

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *