allerta-alimentare:-trancio-di-tonno-richiamato-per-rischio-chimico

Allerta alimentare: trancio di tonno richiamato per rischio chimico

E’ stato richiamato un trancio di tonno a causa di un rischio chimico. Ecco tutti i dettagli della comunicazione del Ministero della Salute

trancio di tonno
Foto di Umbe Ber da Pixabay

Il Ministero della Salute ha pubblicato, sul suo sito ufficiale, la comunicazione inerente al richiamo di un prodotto alimentare. Si tratta di un tipo di trancio di tonno e la causa del richiamo è la sindrome anossica. Alcuni sintomi di questa sindrome si verificano sotto forma di arrossamento della pelle, cefalea pulsante, bruciore orale, crampi addominali, nausea, diarrea e molto altro ancora. I sintomi solitamente compaiono nel giro della prima ora dall’ingestione del pesce ed alcuni di essi possono essere: pallore diffuso, eritema, tachicardia ed altro ancora. Vediamo nel dettaglio le specifiche del prodotto ritirato dalla vendita.

Trancio di tonno richiamato per sindrome anossica: i dettagli

specifiche trancio tonno ritirato
Tutti i dettagli del trancio di tonno a pinne gialle decongelato, richiamato per sindrome anossica (Fonte: Ministero della Salute)

Il Ministero della salute ha diffuso una comunicazione riguardante il richiamo di un lotto di tonno per rischio chimico. Si tratta di un trancio di tonno a pinne gialle decongelato con acqua aggiunta. Il richiamo riguarda esclusivamente il lotto 20082117/21 con scadenza 07/06/21, codice produttore IT 2830 CE, a marchio e prodotto dall’azienda Ittica zu Piestro S.r.l. con sede dello stabilimento in via Varsavia n 9. Il prodotto è venduto sottovuoto e a peso variabile.

Come già spiegato, la causa del richiamo è la sindrome anossica. Le persone con asma sono più suscettibili di problemi respiratori quali dispnea o broncospasmo. I sintomi di intossicazione possono comparire entro pochi minuti e fino a due ore in seguito al consumo di cibo deteriorato. Pertanto, come si legge tra le avvertenze, tutti coloro che hanno acquistato il prodotto sono tenuti a non consumarlo e a riportarlo al punto vendita dove è avvenuto l’acquisto.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *