arrestati-i-rapinatori-delle-farmacie-di-perugia-e-terni-video

Arrestati i rapinatori delle farmacie di Perugia e Terni đź”´ VIDEO



La squadra mobile di Terni ha arrestato i presunti autori di due rapine avvenute in farmacia, risalenti al 29 marzo scorso. Una compiuta in viale della Stazione a Terni e l’altra a Perugia, nella frazione di Ponte San Giovanni.

Una brillante operazione della Polizia di Stato, coordinata dalla Procura della Repubblica di Terni, – ha portato nei giorni scorsi all’arresto di due italiani un 42enne originario di Bologna e un 46enne della provincia di Cosenza, entrambi residenti nel Viterbese – in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip di Terni su richiesta della Procura ternana, per due rapine a mano armata, commesse il 29 marzo scorso, a Terni e a Ponte San Giovanni (PG), ai danni di due farmacie.

L’articolata indagine della Squadra Mobile, avviata – con il coordinamento della locale Procura – subito dopo la rapina alla farmacia ternana in viale della Stazione, avvenuta intorno a mezzogiorno, ha subito preso la direzione giusta, quando, appena due ore dopo, è arrivata agli investigatori la notizia di un’altra rapina, commessa a Ponte San Giovanni, sempre ai danni di una farmacia e con le stesse modalità.

Gli elementi raccolti, tra cui i filmati delle telecamere della farmacia e delle zone limitrofe e le dichiarazioni di alcuni testimoni, hanno portato all’individuazione di un uomo vestito di scuro, scarpe blu, con indosso mascherina e cappello che entra nella farmacia e ha con sé una borsa rossa, dove verosimilmente metterà poi i soldi della rapina, circa 2.000 curo; più tardi, a pochi metri di distanza, abbandonate in strada, gli agenti ritroveranno un paio di scarpe blu, compatibili con quelle riprese dalle telecamere.

L’uomo individuato nei filmati di Ponte San Giovanni indossa, invece, scarpe, mascherina e borsa di colore diverso da quelle di Terni; nella seconda rapina, commessa intorno alle 14, il bottino è di circa 1.700 euro. A quel punto, le indagini si concentrano sul percorso da Terni a Ponte San Giovanni: vengono esaminati i filmati delle aree di sosta e delle stazioni di ristoro presenti su quel tratto e, in una di queste, nei pressi di Acquasparta, si vedono due uomini, uno dei quali ha un atteggiamento particolarmente sospetto. Indossa un paio di scarpe compatibili con quelle del rapinatore di Ponte San Giovanni, oltre ad avere disponibilità di una somma considerevole di denaro contante. Al titolare dell’attività, inoltre, aveva chiesto di cambiare monete per un importo di 70 euro — la stessa cifra in monete portata via dalla farmacia ternana.

Sempre dalle immagini dell’area di sosta di Acquasparta, gli investigatori individuano la targa di un’auto, intestata ad una donna, che dai successivi accertamenti risulterà essere la madre del 46enne originario di Cosenza; esaminando i filmati di viale Stazione a Terni, poi, un’auto compatibile con quest’ultima viene notata transitare poco prima della rapina proprio nei pressi della farmacia. Si riesce a risalire all’identità dei due uomini uno dei quali, l’autore materiale delle rapine – il 42enne originario di Bologna – viene riconosciuto anche da alcuni testimoni presenti a Terni e a Ponte San Giovanni.

Come ultima conferma, l’arresto dei due in flagranza di reato a Grosseto per tentata rapina a mano armata ai danni di una farmacia il 7 aprile scorso; anche in questa circostanza, l’auto usata è la stessa e l’autore, ancora una volta, aveva provveduto a cambiare abbigliamento.

Da quel momento, il 42enne autore materiale anche delle rapine di Terni e di Ponte San Giovanni (con precedenti per stupefacenti, reati contro il patrimonio e già sottoposto alla Sorveglianza Speciale con obbligo di soggiorno nella provincia di Viterbo), si trova in carcere a Grosseto, mentre l’altro (con precedenti per reati contro la persona e resistenza a pubblico ufficiale), è stato raggiunto presso la sua abitazione in provincia di Cosenza, dove si trovava agli arresti domiciliari, dagli della Squadra Mobile ternana che, con ausilio del personale del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Paola, lo hanno poi associato al carcere locale.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *