bambino-caduto-dalla-finestra,-le-parole-della-babysitter:-“ora-tommaso-e-libero”

Bambino caduto dalla finestra, le parole della babysitter: “Ora Tommaso è libero”

Il dramma nel Modenese

Fabio Calcagni — 1 Giugno 2022

Bambino caduto dalla finestra, le parole della babysitter: “Ora Tommaso è libero”

Tommaso ora è libero“. Sarebbero state queste le parole pronunciate da Monica Santi, la 32enne babysitter attualmente reclusa nel carcere di Modena per l’accusa di aver volontariamente gettato dalla finestra ieri a Soliera, nel Modenese, il bimbo di 13 mesi che accudiva otto ore al giorno.

Parole riferite da alcuni testimoni, giunti sul posto dopo la tragedia. Il piccolo Tommaso è ancora ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale Maggiore di Bologna, in condizioni gravi ma stabili.

Santi è invece in carcere, in attesa dell’udienza di convalida del fermo prevista venerdì 3 giugno nel penitenziario di Sant’Anna di Modena. 

Per la 32enne, laureata in economia e commercio e incensurata, che da gennaio scorso lavorava nell’abitazione di via Arginetto, non è esclusa la richiesta di una perizia psichiatrica.

La donna infatti per ora non ha saputo fornire un racconto di quanto accaduto. Come spiegato ieri dal suo avvocato d’ufficio, Francesca Neri, “si trova in uno stato confusionale, non si rende conto di quello che è successo. E’ stato impossibile fornire una ricostruzione fattuale di quanto è successo”.

Legale che oggi è tornata a visitarla in carcere, dove l’ha trovata “emotivamente provata, ma mi è sembrata un po’ più tranquilla”. Neri ha spiegato che la 32enne “si è anche informata sullo stato di salute del piccolo. Per il resto è sempre molto assente e non ha detto nulla sulla dinamica della caduta”.

In casa con il piccolo Tommaso e la babysitter, come confermato dalla nonna del bambino, c’era anche la donna delle pulizie. Alla domanda se questa donna possa aver visto cosa è accaduto, la nonna ha detto: “Ci sono indagini in corso”.

Napoletano, classe 1987, laureato in Lettere: vive di politica e basket.

© Riproduzione riservata

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.