cai-umbria,-che-passione-per-la-montagna:-+-24%-degli-iscritti-rispetto-allo-scorso-anno

Cai Umbria, che passione per la montagna: + 24% degli iscritti rispetto allo scorso anno

Voglia di natura, voglia di montagna. Il Cai Umbria fa il pieno degli iscritti, segno di una attività intensa che piace. Parlano i dati:  +24,35 degli iscritti rispetto al 2021, quasi il doppio della media nazionale che è del 13%.

Nella rilevazione del 29 maggio scorso dal Gruppo regionale, come spiega il presidente Gian Luca Angeli, gli iscritti al Cai in Umbria passano infatti dai 2.604 del 2021, ai 3.298 attuali. La proiezione riferita alla fine anno 2022 fa inoltre prospettare un numero totale di poco meno di 3.900, che costituirebbe il miglior risultato degli ultimi otto anni, registrato nel 2019 con 3.602 soci.

“La composizione degli iscritti – si legge nlla nota diffusa dal Cai Umbria – vede la prevalenza degli uomini che sono il 56,6 per cento del totale, mentre le donne rappresentano il 43,4. I soci giovani (fino a 17 anni) inoltre, nella rilevazione del 29 maggio 2021 costituiscono oltre il 7,5 per cento, con 246 iscritti, in netto aumento (+23 iscritti) rispetto al dato registrato a fine 2021 (223).

“Quest’ultimo dato – spiega il presidente Angeli – ci pare molto significativo, perché i giovani costituiscono un patrimonio rilevante per il futuro del nostro sodalizio. Dimostra inoltre che l’attività svolta dalle sezioni nelle scuole e specificatamente rivolta agli under 18 sta dando risultati importanti. Da un punto di vista più generale – prosegue Angeli – i numeri ci dimostrano che la difficile situazione causata dalla pandemia in questi due ultimi anni non ha compromesso la vitalità delle sezioni umbre del Cai. Grazie al forte radicamento territoriale, hanno saputo garantire una forte presenza e un costante impegno sui temi della conoscenza della conoscenza e valorizzazione della montagna da un punto di vista tecnico, culturale, ambientale e sociale. I risultati ottenuti finora non debbono rappresentare  però un punto di arrivo, ma al contrario li dobbiamo vedere come uno stimolante incentivo ad andare ancora più lontano, con passione, impegno e competenza”.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.