canoni-di-locazione,-oltre-sei-milioni-di-euro-a-favore-dei-comuni

Canoni di locazione, oltre sei milioni di euro a favore dei Comuni

Oltre sei milioni di euro sono stati destinati dalla Giunta Regionale, su proposta dell’assessore alle politiche abitative Enrico Melasecche, in favore dei Comuni umbri per integrare, mediante la concessione di contributi, i canoni di locazione dovuti annualmente dai conduttori di alloggi di proprietà pubblica o privata, titolari di contratti registrati.

Abbiamo fissato i requisiti, criteri e procedure – ha affermato l’assessore Melasecche – per l’assegnazione dei contributi e la ripartizione, per l’anno 2022, del finanziamento complessivo di 6.194.689,86 euro. Al fine di rendere più agevole l’utilizzo delle risorse assegnate al Fondo Nazionale anche in forma coordinata con il Fondo destinato agli inquilini morosi incolpevoli, abbiamo confermato l’ampliamento della platea dei beneficiari, anche ai soggetti in possesso di un indice della situazione economica equivalente, non superiore ad 30.000 euro. I contributi concessi non sono cumulabili con la quota destinata all’affitto del cosiddetto reddito di cittadinanza e con le misure straordinarie a sostegno della locazione erogate in ragione dell’emergenza Covid-19.

Il finanziamento di 6.194.689,86 è stato ripartito tra i Comuni in base a due criteri – ha spiegato l’assessore -: la popolazione residente e il fabbisogno rendicontato dai Comuni ai quali sono stati assegnati dei pesi percentuali. Abbiamo infine anche confermato che i Comuni non debbano liquidare i contributi d’importo inferiore/uguale ad € 50 euro e debbano ridistribuire le somme così conseguite tra gli altri beneficiari collocati nella medesima graduatoria. I Comuni dovranno emanare i bandi per l’assegnazione dei contributi a sostegno dell’affitto entro il prossimo 31/10/2022. Prosegue insomma l’azione della Giunta regionale – ha concluso l’assessore Melasecche – che ha l’obiettivo, di garantire realmente il diritto a una casa, con canoni equi, per venire incontro alle famiglie che, in base a dati oggettivi, non riescono a pagare il canone di affitto”. 

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *