chi-fa-e-paga-le-linee-guida-dell’oms-pro-aborto-adottate-dal-parlamento-europeo

Chi fa e paga le linee guida dell’Oms pro-aborto adottate dal Parlamento europeo

di Carmelo Lopez-Arias

Religiónenlibertad

Il globalismo ha nell’aborto un segno di identità, e le sue istituzioni internazionali mostrano continuamente la loro sincronizzazione in questo senso.

Joe Biden  ha firmato un ordine esecutivo per facilitare l’accesso all’aborto per le madri che hanno difficoltà a causa dell’inversione di Roe vs. Wade, che ha innescato la legislazione protettiva dei nascituri negli stati pro-vita.

E il giorno prima il  Parlamento europeo ha approvato una risoluzione che chiede l’inclusione dell’aborto nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, aggiungendo che “ogni individuo ha diritto a un aborto sicuro e legale”. La risoluzione ha ottenuto 324 voti favorevoli, 155 contrari e 38 astenuti e invita l’Unione “ad esercitare pressioni e fare del riconoscimento di questo diritto una priorità fondamentale nei negoziati all’interno delle istituzioni internazionali e in altri forum multilaterali come il Consiglio d’Europa, e per difenderne l’inclusione nella Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo”.

L’origine di questa affermazione risiede nella pressione delle istituzioni europee sulla Corte Suprema degli Stati Uniti a non revocare la sentenza Roe vs. Wade, e infatti include tra le sue richieste che detto Paese “approvi una legge che tuteli l’aborto al governo”, come Joe Biden e Nancy Pelosi hanno promesso di provare a fare.

Il testo critica quelle che considera limitazioni all’aborto in Polonia, Ungheria, Malta, Slovacchia, Croazia e Italia (dove “si sta erodendo”, dicono) e ritiene essenziale che l’Unione europea e i suoi Stati membri continuino “a progredire nel garantire accesso “all’aborto secondo le raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità”.

L’8 marzo l’Oms ha pubblicato raccomandazioni sotto forma di Linee guida sulla cura dell’aborto: includono l’aborto gratuito fino al momento stesso della nascita e la negazione dell’obiezione di coscienza al personale sanitario.

Qui è chiara l’armonia con le organizzazioni mondiali. Qualcuno che ha fatto notare questa sintonia è Grégor Puppinck, professore universitario e direttore del Centro europeo per il diritto e la giustizia, che a fine maggio, al congresso di Budapest del Network for Values  ​​[Pnfv, Political Network o Alliance for Values], ha indicato la “corruzione” economica e intellettuale dell’establishment globalista che ruota attorno ai diritti umani.

In questo senso, Puppinck ha appena pubblicato un’analisi delle linee guida pro-aborto dell’Oms che dettagliano chi ne è responsabile. È stato pubblicato dal mensile cattolico francese  La Nef nel numero 349 (luglio-agosto 2022), e lo riproduciamo di seguito.

L’Organizzazione mondiale della sanità al servizio dell’aborto 

Nel marzo 2022 l’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) ha pubblicato nuove “linee guida” sull’aborto. Lungi dall’aderire alla sua missione di assistere e consigliare gli operatori sanitari, il documento promuove una liberalizzazione completa e senza precedenti dell’aborto. Raccomanda, tra l’altro, la legalizzazione dell’aborto libero e incondizionato fino alla fine della gravidanza, la limitazione della libertà di coscienza degli operatori sanitari e che i genitori non siano informati quando viene praticato un aborto sulla loro figlia minorenne.

Questo documento non ha valore giuridico vincolante: non è stato adottato dagli Stati o dal Segretariato dell’Oms, ma da un gruppo di lavoro. Gode, tuttavia, di una grande autorità politica e medica e servirà da riferimento in tutto il mondo.

Aborto legale, aborto sicuro?

Queste linee guida si basano sull’affermazione che la liberalizzazione dell’aborto protegge la salute e la vita di milioni di donne che ogni anno praticano aborti illegali e quindi pericolosi. Qualsiasi limitazione all’accesso all’aborto sarebbe quindi una “barriera” che metterebbe in pericolo la “persona incinta” che vuole abortire.

Una simile affermazione è fallace per molte ragioni. Da un lato, si basa sull’idea che l’aborto sia fatale e impossibile da prevenire, il che contraddice l’esperienza di molti paesi. Inoltre, la prevenzione dell’aborto è un impegno degli Stati di fronte al diritto internazionale.

Si basa anche sull’idea che la mortalità materna è più alta nei paesi che limitano l’accesso all’aborto, il che è altrettanto falso, perché, a parità di livello di sviluppo, la mortalità materna è più bassa nei paesi che limitano fortemente l’aborto. È il caso, ad esempio, di Malta e dell’Italia, dove il tasso di mortalità materna è rispettivamente di 3 e 4 su 100 mila, mentre è di 9 in Francia e di 22 negli Stati Uniti.

Si basa anche sull’idea che l’aborto sia un intervento medico sicuro, che implica l’ignorare le conseguenze psicologiche, affettive e sociali dell’aborto sia per la donna che per la sua famiglia.

Infine, queste “linee guida” poggiano sulla menzogna secondo cui il bambino concepito non sarebbe altro che un “tessuto di gravidanza” che può essere scartato come “materiale biologico”, quando la scienza, le religioni e il diritto di molti paesi riconoscono al bambino la condizione di essere umano fin da prima della nascita.

Il sentiero del denaro

Per spiegare questa posizione estrema dell’Oms basta considerare chi sono gli autori e gli sponsor delle “linee guida”  nonché l’orientamento storico dell’Oms in merito all’aborto.

Gli autori

Per sviluppare queste “linee guida”, l’Oms ha consultato 121 esperti esterni all’organizzazione. Ebbene, 81 di questi “esperti” [67%] si dedicano all’aborto, alcuni a titolo professionale.

Ad esempio, 11 di questi esperti hanno ricevuto 1,8 milioni di dollari nel corso della loro carriera dalla Society of Family Planning & SFP Researcher Fund, e 12 hanno lavorato per IPAS [Partners for Reproductive Justice], 7 per il Population Council e 4 per il Centro per i diritti di riproduzione. Queste organizzazioni sono le principali lobby dell’aborto.

La fondazione

Il dipartimento dell’Oms dove sono state redatte queste “linee guida” (il Programma di riproduzione umana) è finanziato esclusivamente da contributi volontari (provenienti principalmente da alcuni paesi anglosassoni noti per il loro impegno storico nel controllo della popolazione, ma anche dalla Francia) e da private fondazioni.

Tra queste spicca la fondazione dell’investitore Warren Buffett: ha donato 55 milioni di dollari all’Hrp nel 2020, ovvero la maggior parte del suo budget. Warren Buffett è un sostenitore dell’aborto e del controllo della popolazione, così come il suo amico Bill Gates, che finanzia anche, e in misura maggiore, l’Oms stessa.

L’istituzione

Il programma di riproduzione umana è un’entità istituita nel 1972 congiuntamente dall’Oms, dalla Banca mondiale, dal Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione e dal Programma di sviluppo delle Nazioni Unite. È specializzato in questioni di “salute riproduttiva” e fa parte della politica globale delle Nazioni Unite sul controllo della popolazione.

Nella direzione dell’Hrp un posto di rilievo è assicurato ai principali stati donatori, nonché agli organismi delle Nazioni Unite. Con una particolarità: la International Planned Parenthood Federation (Ippf) è un membro permanente del suo consiglio di amministrazione. Non sorprende che i quadri Hrp siano generalmente scelti tra quelli nella lobby dell’aborto e del controllo della popolazione.

Per tutti questi motivi, queste “linee guida” costituiscono un nuovo esempio di corruzione degli organismi internazionali, come aveva già detto monsignor Michel Schooyans ( 1930-2022 ), morto il 3 maggio scorso, nel suo libro The Hidden Face of the UN. Il teologo belga, specializzato nelle questioni etiche delle relazioni internazionali (è stato consulente del Pontificio consiglio per la famiglia) merita per questo un omaggio.

Fonte: religionenlibertad.com

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.