chiara-ferragni-ha-ragione-sull'aborto:-negli-ospedali-si-fa-di-tutto-per-umiliare-le-donne-e-farle-sentire-colpevoli-–-il-riformista

Chiara Ferragni ha ragione sull'aborto: negli ospedali si fa di tutto per umiliare le donne e farle sentire colpevoli – Il Riformista

La legge viene continuamente disattesa

Angela Azzaro — 25 Agosto 2022

Chiara Ferragni ha ragione sull’aborto: negli ospedali si fa di tutto per umiliare le donne e farle sentire colpevoli

Chiara Ferragni ha criticato Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia dicendo che se dovessero andare al Governo sarebbe ancora più difficile abortire. La Ferragni lo dice sulla base delle regioni già governate dalla destra. Quando parliamo di interruzione di gravidanza in Italia dobbiamo ricordare che è già difficilissimo poter accedere alla legge 194, questo a causa del numero altissimo di obiettori di coscienza, al fatto che praticamente non esistono i consultori o, se esistono, le donne vanno lì e non vengono informate dei loro diritti ma si fa di tutto per convincerle a non fare questa scelta, al fatto che comunque la legge viene continuamente disattesa. 

Nella risposta di Fratelli d’Italia a Chiara Ferragni si parla anche della pillola abortiva ovvero della RU486 e si riconosce il fatto che non viene utilizzata. La destra dice che il motivo del mancato utilizzo sarebbe dovuto a problemi di salute che potrebbe causare alle donne, in realtà si fa di tutto per non rendere questa scelta meno invasiva e meno umiliante per le donne.

Perché negli ospedali pubblici si fa di tutto per far sentire colpevoli le donne che fanno questa scelta. Questo è un ulteriore aggravio e peso che si vorrebbe mettere sulle spalle delle donne non utilizzando la pillola abortiva.

Quando parliamo di interruzione di gravidanza stiamo parlando di libertà di scelta, di diritto all’autodeterminazione. Dietro alla legge 194 c’è il movimento delle donne che continuerà a battersi per questo diritto di libertà di scelta rispetto al proprio corpo. Questo non possiamo e non dobbiamo dimenticarlo. 

Vicedirettrice del Riformista, femminista, critica cinematografica

© Riproduzione riservata

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.