confindustria-intesa-sanpaolo,-3.2-mld-per-le-imprese-umbre

Confindustria-Intesa Sanpaolo, 3.2 mld per le imprese umbre

A Perugia tappa del roadshow per la presentazione dell’accordo

(ANSA) – PERUGIA, 12 LUG – Si è svolta a Perugia la tappa regionale del roadshow per la presentazione del nuovo accordo tra Confindustria e Intesa Sanpaolo per la crescita delle imprese. Basato sul percorso congiunto “Competitività, innovazione, sostenibilità”, l’accordo mette a disposizione 3,2 miliardi di euro per le imprese umbre, nell’ambito dei 150 miliardi di euro del plafond nazionale.

    Alla presenza di numerose imprese umbre, hanno aperto i lavori i saluti del presidente di Confindustria Umbria, Vincenzo Briziarelli e del direttore Regionale Toscana e Umbria Intesa Sanpaolo, Tito Nocentini.

    L’accordo – di durata triennale e firmato lo scorso ottobre da Carlo Bonomi, presidente di Confindustria, e Carlo Messina, consigliere delegato e Ceo di Intesa Sanpaolo – pone al centro iniziative a supporto delle aziende in ambito di digitalizzazione e innovazione, rafforzamento della struttura finanziaria e patrimoniale, potenziamento delle filiere e sostenibilità.

    “Il cuore dell’accordo – ha sottolineato Vincenzo Briziarelli, Presidente di Confindustria Umbria – è rappresentato dal supporto a temi strategici per la vita e lo sviluppo delle nostre imprese. La transizione ambientale, energetica e digitale è un cambiamento epocale che coinvolge e coinvolgerà tutte le filiere produttive con un effetto significativo su tutto il nostro territorio. Così come è fondamentale il tema del rafforzamento finanziario e patrimoniale delle imprese, a maggior ragione in un periodo così complesso come quello che stiamo vivendo. In questa prospettiva, confidiamo che l’accordo con Intesa Sanpaolo rappresenterà un utile strumento per rafforzare le imprese e per creare nuove prospettive di crescita del nostro sistema industriale in un’ottica di collaborazione con il sistema bancario”.

    “La sfida della competitività oggi passa attraverso l’innovazione e la sostenibilità. Le imprese umbre sono chiamate ad affrontare una svolta verso la transizione ambientale e digitale, ancora più necessaria a fronte della complessità dei nuovi scenari geopolitici ed energetici”, ha commentato Tito Nocentini, direttore regionale Toscana e Umbria Intesa Sanpaolo.

    (ANSA).

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.