“devono-pagare”-trump-asfalta-cina-e-biden:-l’annuncio-sul-covid

“Devono pagare” Trump asfalta Cina e Biden: l’annuncio sul Covid

E’ recentemente intervenuto, Donald Trump, sulla gestione del covid da parte della Cine a sull’amministrazione Biden. “Devono pagare!”

Donald Trump
Donald Trump (Getyyimages)

Dopo qualche mese di assenza dal palcoscenico, vista la sconfitta tumultuosa alle elezioni, sembrava veramente che Donald Trump si fosse messo da parte. Le polemiche successive alla sua sconfitta alle urne, che hanno portato agli eventi del 6 gennaio e agli attacchi al campidoglio, avevano fatto seguito a quelle social. Diversi social network avevano ridotto l’eco dell’ex presidente, bloccandone il profilo.

Prima Twitter, poi Facebook, successivamente la promessa (minaccia) di aprire un social tutto suo. Insomma, l’imprenditore è tornato a parlare, dopo molto tempo, probabilmente per la prima volta legittimamente, a una convention del proprio partito. I toni sono i soliti, le accuse quasi deliranti non segnano una novità nei mantra dei trumpiani. Tra Biden e il solito mulino a vento della Cina, le accuse sono state anche frenetiche ed esaltanti.

Donald Trump, da Biden alla Cina: tornano “loro”

Trump e la chiusura del suo blog
Donald Trump (Getty Images)

“Deve pagare, loro devono pagare”. “Loro”, proprio così. E’ tornato il nemico comune, sono tornati i mulini a vento, da Biden alla Cina. Prima era stato TikTok, il motivo per il quale scagliarsi contro la Cina. Che l’ex presidente sia sempre stato fermo nel voler condannare i cinesi per la diffusione del covid non è certo un segreto. Adesso, a una convention repubblicana tenutasi nel North Carolina, l’imprenditore ha chiesto punizioni esemplari, tra gli applausi scroscianti della folla.

Ma c’è tempo anche per Biden, al quale – citando Trump – è capitato tra le mani la migliore amministrazione economica nella storia mondiale. “Ata andando in disgrazia con l’inflazione porterà a una catastrofe nel prossimo futuro”, ha commentato l’ex presidente, che ha anche chiamato la sua amministrazione “La più radicale e di sinistra della storia della Casa Bianca”.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *