francesca-giarmoleo:-“anche-monza-avra-un-grande-festival-identitario”

Francesca Giarmoleo: “Anche Monza avrà un grande Festival Identitario”

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’

​Grintosa e sincera la responsabile regionale Lombardia di CulturaIdentità ​sostiene Allevi ​alle amministrative

Francesca Giarmoleo, origini calabresi, ma una vita spesa a Monza da oltre 50 anni. Madre di due figli e nonna di due splendidi nipoti, è titolare di uno studio di consulenza fiscale al servizio di cittadini e imprese. La sua candidatura a sostegno di Dario Allevi per le imminenti elezioni amministrative a Monza segna solo il punto di arrivo di una vita spesa per la comunità: Francesca ha infatti fatto del sociale una sua battaglia, conquistandosi nel tempo il ruolo di vicecoordinatore Lombardia UNAVI (Unione Nazionale Vittime) ed il premio Luca Romano 2022, destinato ad operatori del mondo socioculturale. Da anni è impegnata al fianco di CulturaIdentità per la valorizzazione della cultura e delle tradizioni locali, vero patrimonio del nostro Paese. 

Francesca, nel programma della coalizione Allevi il tema della Cultura è centrale: come declinarlo?

Rilancio culturale, turismo e marketing territoriale sono strettamente legati: la Cultura attrae turisti. Con Allevi non sono mancate iniziative simili: mostre di livello internazionale, riqualificazione di teatri, abbonamenti museali. Bisogna continuare in questo senso: valorizzare le tradizioni cittadine, puntando su emblemi come la Monaca manzoniana, i Longobardi e Teodolinda. Creare un vero e proprio “brand” cittadino riconoscibile e spendibile per i monzesi: questo è fattibile attraverso una proficua collaborazione tra Comune, associazioni e privati, un circolo virtuoso composto da ascolto delle esigenze, competenza e valorizzazione a beneficio di tutti. Vogliamo infatti coinvolgere ogni artista monzese con un vero e proprio censimento.

Avete parlato anche di un Festival della Cultura: può dirci qualcosa in più?

Ciò per cui personalmente voglio spendermi, oltre a eventi letterari, musicali, corsi di scrittura e teatro, è la creazione di un grande Festival della Cultura capace di avere una risonanza mediatica strepitosa. Per fare questo ovviamente sarà importante coinvolgere associazioni e personalità di grandissimo calibro che sappiano declinare grandi temi a livello locale. In questo modo i cittadini potranno godere della riscoperta delle proprie radici storico-culturali, ma attireremo anche turisti. Dovremmo iniziare a capire questo: la Cultura non è solo Bellezza, è anche ricchezza, è vivacità di visitatori che spenderanno non solo in mostre, ma anche in ristoranti e negozi locali.

Ma concretamente come attuare questi progetti?

Non è un problema di spazi e bellezze artistiche: abbiamo un parco meraviglioso da sfruttare. Se è vero che “mens sana in corpore sano”, allora neanche questo è un problema: per sport e salute Monza è un vero gioiello, basti pensare ai risultati recenti delle nostre squadro di calcio e volley o a realtà ospedaliere locali. Di storia e cultura non siamo poveri: con la nostra Corona Ferrea sono state incoronate personalità come Napoleone. È una questione di sinergia e coordinamento fra istituzioni e cittadini: abbiamo le carte in regola per dare olio agli ingranaggi di questo meccanismo.

Ma così non si corre il rischio di concentrare tutta l’attenzione su luoghi centrali?

Assolutamente no, le iniziative devono essere diffuse sul territorio e non concentrarsi in luoghi privilegiati. Vogliamo forme di cultura diffusa e iniziative itineranti che coinvolgano tutti i quartieri. Ovviamente i presupposti per realizzare questa idea sono due: garantire sicurezza e decoro urbano. Per garantire sicurezza bisogna partire dalle piccole cose, anche solo l’illuminazione notturna di ogni quartiere. Inoltre, con il progetto ReDesign My Monza intendiamo dotarci degli strumenti progettuali per ridisegnare il layout dei principali assi stradali, specie quelli periferici, nella tutela della sicurezza di tutti e col fine di valorizzare le attività commerciali. Non possiamo poi dimenticarci dei parchi: nuovo verde per creare occasioni di svago e socialità positiva.

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’

L’articolo Francesca Giarmoleo: “Anche Monza avrà un grande Festival Identitario” proviene da CulturaIdentità.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.