fuochi-e-ombre

di Danilo Stefani

Puntando lo sguardo verso sud – est, la campagna che si apre ha qualcosa di miracoloso. Tanto verde, che resiste. Piange, ma impavido, resiste. Questa campagna si confonde -a tratti – con un cielo senza colore che abbaglia la vista, mentre si forma una foschia di calore che si stringe intorno a Orvieto, e ai contorni del suo duomo. Si spera di non vedere le scie di fumo degli incendi, l’altra piaga di un’estate rovente. Caldo, siccità, fuochi, pandemia; è un poker micidiale.

Eppure nella coda del primo pomeriggio si forma un capannello di persone all’ombra di un garage. Anziani, vecchi valorosi, che hanno visto e sopportato di tutto. Fanno persino discorsi fluenti, riescono a ridere, a indignarsi e ad ascoltare il tempo impietoso che passa avvolto in un mantello di calura.

A un centinaio di chilometri da qui, nei Palazzi istituzionali romani, c’è un altro mondo. Si stringono e si sciolgono mani, vengono trovati accordi e nascono ipotesi d’intesa: tutto all’ombra dei sondaggi. Non passa giorno senza un sondaggio. Mai come ora, la politica è controllata dall’aria condizionante dei sondaggisti. L’importante è allearsi per fare numeri.

Una campagna elettorale in piena estate (con questa estate, che ha già la sua follia), non si era mai vista.

Corrosi dal sole, dalla pandemia e dall’invasione di scimmie e cavallette, il 25 settembre andremo al voto per le elezioni politiche tra le più cruente e improvvisate di sempre. Non basterà il cono d’ombra di un garage per sfuggire ai fuochi romani che si propagheranno in autunno.

Correlati

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.