gli-scienziati-hanno-trapiantato-la-memoria-da-una-lumaca-all'altra. quindi,-cosa-significa-per-gli-esseri-umani?-–-grandeinganno

Gli scienziati hanno trapiantato la memoria da una lumaca all'altra. Quindi, cosa significa per gli esseri umani? – Grandeinganno

È il tipo di studio di cui sono fatti i sogni di fantascienza: un team di neurobiologi dell’UCLA ha “trapiantato” un ricordo dal sistema nervoso di una lumaca all’altra.

Per fare ciò, il team ha ripetutamente “addestrato” una lumaca con scosse elettriche. “Abbiamo indotto un tipo molto semplice di memoria nelle lumache chiamato sensibilizzazione”, ha affermato David L. Glanzman, membro del dipartimento di Biologia e Fisiologia Integrativa dell’UCLA e autore principale dello studio.

Paragona la sensibilizzazione all’esperienza di un terremoto o di un altro evento fisicamente stridente. “Saresti molto nervoso per un po’,” ha detto.

Glanzman e il suo team hanno dato alle lumache una serie di scosse elettriche alla coda. 

“Il risultato è che i loro riflessi sono stati notevolmente migliorati. Se tocchiamo la loro pelle, si contrarranno molto fortemente”.

Quando le lumache erano buone e nervose, il team ha estratto l’RNA dai loro sistemi nervosi e lo ha iniettato in lumache non addestrate.

“Ventiquattro ore dopo, abbiamo testato i riflessi di quelle lumache e hanno mostrato gli stessi riflessi di quelle che avevano subito scosse elettriche”,

ha detto Glanzman.

I loro risultati sono stati pubblicati questa settimana sulla rivista eNeuro .

Perché le lumache?

Non è un caso che questa svolta sia stata condotta con l’aiuto di alcuni viscidi amici gasteropodi. Glanzman afferma che i neurobiologi hanno studiato per decenni le macchinazioni del cervello delle lumache.

“Sono un riduzionista nel mio approccio all’apprendimento della memoria”, ha detto. “I cervelli umani sono così complessi… quindi le lumache hanno molti vantaggi in quanto hanno un sistema nervoso relativamente semplice”.

E ciò che si applica a una lumaca, evolutivamente, probabilmente si applica in qualche modo a un essere umano.

“Il modo in cui procede la scienza è che prima capisci le cose semplici e poi le costruisci”,

ha detto Glanzman. 

“Molti dei meccanismi cellulari di apprendimento e memoria che identifichiamo in tutti gli animali sono stati osservati per la prima volta nella lumaca”.

Cosa significa per gli esseri umani?

Il trasferimento di memoria e il trapianto sono affascinanti a cui pensare. Ma solo perché funziona sulle lumache non significa che presto vivremo nel regno di “Westworld” o “The Eternal Sunshine of the Spotless Mind”. In realtà, le applicazioni umane sono molto più pratiche e utili.

“Siamo stati in grado di trasferire la memoria utilizzando l’RNA”,

ha detto Glanzman. 

“Quindi, se pensi ai disturbi umani della memoria come la demenza, l’Alzheimer e il disturbo da stress post-traumatico, se siamo in grado di identificare parte dell’RNA che produce l’apprendimento come alterazioni, è possibile che potremmo usare quella conoscenza per creare trattamenti nuovi e più efficaci”.

In altre parole, una migliore comprensione di come i ricordi si formano fisicamente nei componenti del sistema nervoso (che include il cervello) potrebbe portare a una migliore comprensione delle malattie e dei disturbi legati alla memoria”.

I risultati sfidano anche alcune comprensioni popolari su come viene archiviata la memoria.

“Il modello dominante di apprendimento e neuroscienza oggi è che quando un animale impara qualcosa, c’è una crescita di nuove connessioni sinaptiche o un cambiamento in quelle esistenti”,

ha detto Glanzman. 

“Quindi, essenzialmente, la memoria è immagazzinata nelle sinapsi. Il nostro studio suggerisce che non può essere vero”.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.