i-segnali-dell'intimita-emotiva:-ma-e-possibile-costruirla?

I segnali dell'intimità emotiva: ma è possibile costruirla?

Tra due partner si possono instaurare diversi tipi di intimità. Una può essere l’intimità sessuale, che è quella che viene subito in mente, perché è fisica e immediata. Poi ci possono essere intimità spirituale e intellettuale, che derivano dalla condivisione di riflessioni e consapevolezze. E c’è l’intimità emotiva, che può essere parte di una relazione amorosa o sessuale ma più spesso ricorre in una relazione di tipo amicale. Di cosa si tratta?  

Cos’è l’intimità emotiva?

Come riporta MindBodyGreen, l’intimità emotiva consiste nella condivisione di pensieri e sentimenti attraverso sincerità e verità. In pratica chi esercita questo tipo di intimità è in una relazione praticamente priva di segreti non solo oggettivi (come può essere la narrazione di un fatto che ci è realmente accaduto ma del quale magari ci vergogniamo) ma anche soggettivi.

I segreti soggettivi possono riguardare la narrazione di sentimenti, sogni, paure, delusioni: condividerli può portare a una comprensione reciproca più profonda, come quella che esiste tra amici di vecchia data.

 

I segnali dell’intimità emotiva

Intimità emotiva
Fonte: Pexels

Quali sono i segni del fatto che tra due persone legate da una relazione sentimentale o sessuale si sta instaurando l’intimità emotiva? Eccone alcuni tra i principali:

  • rivelare i propri segreti senza imbarazzo e fidandoci che la confidenza resterà tra le quattro pareti;
  • dirsi cosa ci si aspetta dalla propria relazione e ciò che si teme nel futuro;
  • porre all’altra persona delle domande su un accadimento particolarmente spaventoso o stressante subito;
  • esprimere cosa ci mette a disagio dell’altra persona;
  • lavorare per correggere gli atteggiamenti che mettono a disagio l’altra persona;
  • raccontare cosa si prova circa la percezione del proprio corpo, in particolare a seguito di un cambiamento che potremmo avere difficoltà ad accettare (come per esempio non riuscire a perdere peso dopo la gravidanza anche se lo vorremmo);
  • raccontare fatti traumatici della nostra infanzia anche se ne proviamo vergogna (per esempio aver subito bullismo o essere stati bulli o bulle a nostra volta).

 

Intimità emotiva e sesso

Raccontare all’altra persona tutto ciò che si prova spegne la passione? No, tutt’altro. L’empatia e la comunicazione, se utilizzate in modo corretto in una relazione sentimentale o sessuale, possono portare ad accrescere l’affinità di coppia.

Inoltre, se non sentiamo timori o vergogna per rivelare la nostra anima in maniera nuda e cruda, capiterà lo stesso con i nostri corpi. Non solo: non sempre è facile spiegare al partner ciò che ci piace e cosa no, ma quando si è una relazione permeata dall’intimità emotiva, sarà più semplice avere rapporti sessuali grandiosi perché l’altra persona recepirà le nostre richieste e noi recepiremo le sue.

 

Come costruire intimità emotiva

Intimità emotiva
Fonte: Pexels

C’è un requisito fondamentale per costruire l’intimità emotiva e questo requisito è l’empatia: chi non ce l’ha non riuscirà mai a immedesimarsi nell’altro, nell’offrirgli o offrirle il proprio supporto. Va da sé che l’altra persona deve contare nella nostra vita: se la relazione non è di già in buona salute, è molto difficile riuscire a implementarla.

Un po’ come in un caso di cronaca nera italiano degli anni ’70 (riportato nel volume di Casacci e Giambricco Poca mala molto bene), in cui a un imprenditore fu rapita la moglie, ma alla richiesta di riscatto disse ai rapitori che potevano tenersela: la storia andò a finire bene, nel senso che dopo quella risposta alla fine la donna fu liberata e fu sana e salva in breve tempo, ma naturalmente il matrimonio tra i due finì per ovvie ragioni.

Il secondo passo, dopo il possedere l’empatia e una relazione in buona salute, è impegnarsi in conversazioni più profonde e introspettive con l’altra persona. Ci si deve raccontare ciò che non si condivide con gli altri, farsi delle domande l’un l’altro, ascoltarsi e non con l’idea che quando l’altro finisce di parlare è il momento per parlare a propria volta.

E naturalmente ogni cosa che si dice non deve ferire i sentimenti dell’altro, deve creare una sorta di spazio sicuro per entrambi. È altrettanto importante lavorare sulla propria paura dell’intimità, ma per questo, oltre a trovare un partner amorevole, è fondamentale rivolgersi a un professionista, come uno psicologo per delle sedute individuali.

Articolo originale pubblicato il Marzo 18, 2022

Vorrei vivere in un incubo di David Lynch. #betweentwoworlds

Suggerisci una correzione

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.