“il-caro-energia-affonda-il-settore-della-ceramica-umbra”-–-vivo-umbria

“Il caro energia affonda il settore della ceramica umbra” – Vivo Umbria

DERUTA – Riceviamo e pubblichiamo la riflessione preoccupata, per non dire allarmata, del presidente della Strada della Ceramica dell’Umbria che è anche sindaco di Deruta, Michele Toniaccini, sulla crisi energetica e i riflessi sul comparto.

***********

Il caro energia affonda il settore della ceramica

di Michele Toniaccini

“Occorre mettere un tetto al prezzo del gas, come prima immediata misura per salvare il settore della ceramica artistica tradizionale. I costi energetici stanno erodendo i guadagni e mandano fuori mercato le aziende locali. Le bollette del gas sono più che raddoppiate, con l’incidenza media del costo del gas su un pezzo che è 10 volte superiore, rispetto al passato; e, in alcuni casi, i fornitori di gas chiedono addirittura un cospicuo anticipo. Non solo. Gli aumenti riguardano anche le materie prime che, spesso, sono persino difficili da reperire e in tempi utili. Il rischio è che anche questo settore, che abbiamo faticato a far riprendere, possa fermarsi. Non possiamo permetterlo. Un settore che non può scomparire, ma non può neppure continuare a sopportare costi di produzione così elevati. Aauspico che quanto annunciato dalla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, cioè un intervento di emergenza e una riforma strutturale del mercato dell’energia elettrica, possa avere un’attuazione concreta e tempestiva.

Nelle nostre aziende c’è la storia di una parte dell’Umbria, ci sono l’esperienza, la creatività, l’ingegno e l’innovazione di Maestri artigiani che si tramandano saperi di generazione in generazione. Ci sono i nostri giovani che hanno scelto di restare nella loro terra di origine e di portare avanti il lavoro di famiglia. Ci sono intere famiglie che vivono di questa arte e senza aiuti immediati, senza una strategia di breve e lungo periodo, quelle aziende sono destinate a chiudere e intere famiglie si ritroverebbero senza lavoro. Un dramma nel dramma.

Occorre anche accelerare sulle rinnovabili, ma nel frattempo, attivare ristori e intervenire con politiche mirate per il settore della ceramica”.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *