il-futuro-degli-stati-uniti-e-senza-cristo

Il futuro degli Stati Uniti è senza Cristo

Stati Uniti, la loro identità è intrinsecabilmente legata al cristianesimo. La loro storia inizia con l’arrivo a Plymouth di un gruppo di puritani inglesi alla ricerca di una nuova Gerusalemme al di fuori dell’Europa. Dio è nei loro tribunali, nelle loro monete ed è il loro motto – In God We Trust.

Dio, inteso come il Dio abramitico, negli Stati Uniti è una presenza fissa anche al momento dell’insediamento del capo di stato, giacché i presidenti giurano sulla Bibbia dai tempi di George Washington. Una tradizione, più che legata al padre della nazione, dovuta ad un fatto accaduto quel giorno di aprile del 1789: Washington, a giuramento finito, si accorse di aver la mano su Genesi 49,1-27 – la benedizione di Giacobbe. Un segno. Un destino. O meglio: un manifesto destino.

Non si può scrivere di Stati Uniti prescindendo da una spiegazione della loro connaturata cristianità. Perché la suddetta, oltre a permeare la quotidianità dell’americano comune, ieri ha plasmato la visione del mondo dei Padri fondatori e oggi plasma quella dei loro nipoti. Calvinisticamente predestinati a essere Città sulla collina e Impero della libertà. Inevitabilmente costretti a utilizzare la violenza per liberare il mondo dal male – violenza redentrice.

Stati Uniti, se è vero che la cristianità è connaturata in loro, lo è altrettanto che il senso religioso delle masse sta rapidamente scemando dinanzi all’avanzata inesorabile, e apparentemente inarrestabile, della secolarizzazione. Ed è lecito chiedersi che cosa potrebbe succedere ai giuramenti sulle Bibbie e alle “guerre sante” dei loro presidenti, se la scristianizzazione dovesse rivelarsi irreversibile.

Non è un paese per cristiani

Stati Uniti, hanno la popolazione cristiana più numerosa del pianeta – 210 milioni di persone –, e sono casa della più ampia comunità protestante – 140 milioni –, ma un domani potrebbero non essere troppo differenti dalla vecchia e atea Europa.

Il quadro dello stato di salute del cristianesimo statunitense, dipinto dai più importanti barometri di tendenze sociali degli Stati Uniti, Gallup e Pew Research Center, è a tinte fosche. Il numero di credenti praticanti e non praticanti è in diminuzione su base annua, la convinzione che gli Stati Uniti siano una “nazione cristiana” fa sempre meno presa e tradizioni sedimentate – come il congregazionalismo – vanno sparendo dall’orizzonte dell’americano medio.

La tendenza della scristianizzazione degli Stati Uniti sembra inarrestabile. Il declino è iniziato da qualche parte tra la fine degli anni Settanta e l’inizio degli Ottanta, quasi in concomitanza con l’inizio dell’età d’oro repubblicana, e da allora non si è più fermato. Il fenomeno è ben fotografato dai numeri:

  • 9 americani su 10 erano cristiani nel 1976, 8 su 10 nel 2001 e 6 su 10 nel 2021;
  • Il congregazionalismo è stato la realtà di 7 americani su 10 per circa quarant’anni – dagli anni Quaranta agli Ottanta –, ma dal 2020 è pratica di soltanto 4 su 10;
  • 18 stati federati presentano tassi “europei” di frequenza in chiesa, essendo i praticanti meno del 30% della popolazione;

La fine della Città sulla collina?

Il 64% degli americani pensa che gli Stati Uniti abbiano smesso di essere un paese cristiano e il 51% è dell’idea che, succeda quel che succeda, non dovrebbero aspirare a tale titolo – percentuale che sale ad un eccezionale 76% tra Millennials e Generazione Z. Per di più, va aumentando la porzione di chi crede che i Padri fondatori non volessero edificare una nazione ispirata dalla Bibbia – il 37%, che diventa 49% tra i rispondenti in età 18-29 e 52% tra gli elettori democratici. Questi i risultati di un’indagine effettuata dal Pew Research Center nel 2022.

Il futuro degli Stati Uniti sembra essere indubbiamente senza Dio, perlomeno il Dio cristiano, ma non è detto che ciò avrà necessariamente riverberi negativi sulla loro postura internazionale. Perché se è vero che la secolarizzazione va di pari passo con l’avversione al nazionalismo cristiano, lo è altrettanto che l’hobbesiana realtà delle relazioni internazionali continuerà ad imporre alla Città sulla collina di agire nel mondo. Il fardello del poliziotto globale, anche se meno assertivo e con meno competenze di un tempo.

L’ingresso degli Stati Uniti nell’era postcristiana potrebbe comportare dei mutamenti più di forma che di sostanza. L’internazionalismo liberale in luogo dell’interventismo messianico – lo stesso eccezionalismo di sempre, ma presentato con un volto diverso. Nuovi instrumenta regni da esportare – oggi protestantesimo evangelico e sovranismo, domani wokismo e parenti. Ma i medesimi imperativi strategici di sempre: dollarocrazia, primazia nell’emisfero occidentale e divide et impera in Eurasia.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *