infermieri:-piu-di-100-richiami-disciplinari-per-violazione-nell’uso-dei-social-network.-si-abusa-del-codice-deontologico?

Infermieri: più di 100 richiami disciplinari per violazione nell’uso dei social-network. Si abusa del Codice Deontologico?

Polemiche nel mondo Infermieristico: più di 100 richiami disciplinari per violazione nell’uso dei social-network. Si abusa del Codice Deontologico?

Il diritto di critica pare non possa più esistere tra gli Infermieri a cui è vietato polemizzare con il proprio Ordine di appartenenza, pena il richiamo disciplinare e la relativa sospensione dall’Albo e dal lavoro. Sono circa un centinaio le azioni disciplinari avviate in Italia da parte di diversi Ordini delle Professioni Infermieristiche nei confronti di propri iscritti, rei di aver postato sui social commenti, articoli e foto che mettevano e che mettono in ridicolo l’OPI interessato.

Il più delle volte il richiamo è stato elevato nei confronti di avversari delle dirigenze OPI in essere, ed è questo che fa gridare allo scandalo: non vi è forse un abuso o un utilizzo improprio del Codice Deontologico dell’Infermiere?

Codice Deontologico Infermieri: il commentario.

Il più delle volte i presidenti OPI avviano azioni disciplinari e di sospensione dall’Albo per violazione dei seguenti articoli:

  • Art. 28 – Comportamento nella comunicazioneL’Infermiere nella comunicazione, anche attraverso mezzi informatici e social media, si comporta con decoro, correttezza, rispetto, trasparenza e veridicità; tutela la riservatezza delle persone e degli assistiti ponendo particolare attenzione nel pubblicare dati e immagini che possano ledere i singoli, le istituzioni, il decoro e l’immagine della professione;
  • Art. 29 – Valori nella comunicazioneL’Infermiere, anche attraverso l’utilizzo dei mezzi informatici e dei social media, comunica in modo scientifico ed etico, ricercando il dialogo e il confronto al fine di contribuire a un dibattito costruttivo;
  • Art. 46 – Rappresentanza professionale e comunicazione pubblicitariaL’Infermiere esercita la funzione di rappresentanza della professione con dignità, correttezza e trasparenza. Utilizza espressioni e adotta comportamenti che sostengono e promuovono il decoro e l’immagine della comunità professionale e dei suoi attori istituzionali. Osserva le indicazioni dell’Ordine Professionale nella informazione e comunicazione pubblicitaria.

Ma a questo punto ci chiediamo se in Italia vi è ancora una Costituzione che garantista il diritto di critica e il diritto di cronaca. E si perché tra i “richiamati” vi sono spesso sindacalisti, giornalisti o web-writer iscritti all’Ordine e che svolgono spesso l’attività sindacale o pubblicistica con passione e dedizione.

Può un Codice Deontologico essere utilizzato come arma di “sterminio” per chi non è allineato? Chi si occupa degli abusi di chi sanziona approfittando della propria posizione di privilegio? La risposta a chi ne sa più di noi, semmai arriverà.

Leggi anche:

Codice Deontologico Infermieri 2019: testo, articoli e capi.

L’articolo Infermieri: più di 100 richiami disciplinari per violazione nell’uso dei social-network. Si abusa del Codice Deontologico? proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.