le-“dimissioni”-di-marx?-un-messaggio-non-a-roma,-ma-a-colonia

Le “dimissioni” di Marx? Un messaggio non a Roma, ma a Colonia

Dopo papa Francesco, anche il cardinale Reinhard Marx ha aumentato la pressione sul cardinale Rainer Maria Woelki. L’offerta di dimissioni dell’arcivescovo di Monaco  significa che il cardinale Woelki dovrebbe dimettersi.

di Giuseppe Nardi

L’offerta di dimissioni del cardinale Reinhard Marx, arcivescovo di Monaco e Frisinga, “sarebbe una buona notizia”, come si dice in un commento diffuso sui social network. Già il 5 maggio l’Augsburger Nachrichten aveva messo in campo una richiesta di dimissioni rivolta al cardinale Marx, dopo che il porporato aveva ammesso un “errore” nel trattare con un prete accusato di abusi. Lo sfondo dell’Operazione dimissioni, tuttavia, è diverso.

Come è stato annunciato solo ora, il cardinale Marx ha presentato al papa la sua offerta di dimissioni il 21 maggio. Tuttavia, fino a oggi non ha preso una decisione. Quindi a Roma non sembra esserci fretta. Nei suoi comunicati stampa diffusi nel frattempo, il cardinale ha parlato di una “responsabilità condivisa” per la “catastrofe degli abusi”. C’è sempre una tale responsabilità condivisa, anche se su un livello completamente diverso, come la circostanza che il cardinale Marx ha finora impedito la discussione sul fatto che almeno l’80 per cento di tutti i casi di abuso pedosessuale fosse omosessuale.

Ma perché non ci sono dimissioni? Innanzitutto perché il cardinale Marx, rappresentante dell’Europa nel Consiglio dei cardinali,  che consiglia papa Francesco sulla gestione della Chiesa universale e sulla riforma della Curia romana, è anche coordinatore del Consiglio per l’economia.

Soprattutto, la cronologia parla contro le dimissioni. Il cardinale Marx ha presentato le sue dimissioni il 21 maggio e papa Francesco ha inviato i visitatori apostolici a Colonia, non a Monaco, il 28 maggio. Solo a marzo una commissione indipendente aveva scagionato il cardinale Woelki dalle accuse di aver agito in modo sbagliato nell’affrontare un caso di abuso sessuale, ma papa Francesco lo aveva nuovamente messo sotto sospetto generale, per la gioia dei circoli ecclesiali progressisti radicali.

Il vero destinatario dell’offerta di dimissioni, supportata anche dalle reazioni dei media, sembra essere il cardinale Rainer Maria Woelki, arcivescovo di Colonia. La pressione sul cardinale Woelki è aumentata a dismisura negli ultimi giorni. È lui che dovrebbe essere invitato a dimettersi. Secondo il suo rango, il cardinale Woelki guida la minoranza nella Conferenza episcopale tedesca che si oppone alle rivoluzioni “pastorali” che fanno rima con neo-modernismo. Questa minoranza è numericamente limitata e abbandonata da Roma in una posizione piuttosto disperata, ma è più di una semplice spina nel fianco della maggioranza. Impedisce l’auspicata e voluta unanimità nella Conferenza episcopale e in pubblico.

Offrendo le sue dimissioni, il cardinale Marx ha intensificato la pressione sul cardinale Woelki, perché come può essere che l’arcivescovo di Monaco di Baviera trasmetta le sue dimissioni al papa, ma il cardinale Woelki no? Come ho detto, una commissione indipendente aveva scagionato l’arcivescovo di Colonia solo a marzo, ma questo risultato non sembra auspicabile all’interno della Chiesa. Il cardinale Marx spiegò il motivo senza rivelare il contesto reale. Con l’annuncio di aver offerto a Francesco le sue dimissioni, Marx ha sottolineato che la tanto controversa “Via sinodale” della Conferenza episcopale tedesca e del Comitato centrale dei cattolici tedeschi deve continuare in maniera del tutto indipendente da essa, cioè in ogni circostanza.

L’offerta di dimissioni del cardinale Marx, con l’allusione presumibilmente “memorabile” (Münchner Merkur) che la Chiesa in Germania è arrivata a un “punto morto”, non è quindi un messaggio a papa Francesco, ma al cardinale Woelki. Le cui dimissioni vanno provocate per poter attuare l’agenda “sinodale”, senza disturbi da parte della voce critica di Woelki.

Fonte: https://katholisches.info/2021/06/04/muenchner-ruecktritt-ist-keine-botschaft-an-rom-sondern-koeln/

Nella foto [Lennart Preiss] il cardinale Reinhard Marx

* * * * *

Cari amici di Duc in altum, è disponibile il mio nuovo libro: La trave e la pagliuzza. Essere cattolici “hic et nunc” (Chorabooks).

Uno sguardo sulla situazione della Chiesa cattolica e della fede. Senza evitare gli aspetti più controversi e tenendo conto dell’orizzonte dei nostri giorni, segnato dalla vicenda del Covid. Un diario di viaggio in una realtà caratterizzata da profonde divisioni, ma con la volontà di costruire, non di distruggere. E sapendo che il processo di conversione riguarda tutti, a partire da se stessi.

Il volume prende in esame questioni disparate (dal Concilio Vaticano II al pontificato di Francesco, dalla vita spirituale in regime di lockdown alle vicende vaticane, dal great reset alle questioni bioetiche) ma con un filo conduttore: l’amore per la Chiesa e la Tradizione, unito a una denuncia chiara sia delle derive moderniste sia delle nuove forme di dispotismo che limitano o negano le libertà fondamentali.

* * * * *

Sei un lettore di Duc in altum? Ti piace questo blog? Pensi che sia utile? Se vuoi sostenerlo, puoi fare una donazione utilizzando questo IBAN:

IT65V0200805261000400192457

BIC/SWIFT  UNCRITM1B80

Beneficiario: Aldo Maria Valli

Causale: donazione volontaria per blog Duc in altum

Grazie!

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *