lettera-aperta-ai-cattolici-tedeschi:-“fratelli,-abbandonate-gli-apostati-al-loro-destino!”

Lettera aperta ai cattolici tedeschi: “Fratelli, abbandonate gli apostati al loro destino!”

Cari amici di Duc in altum, un sacerdote italiano (il quale purtroppo, per non incorrere negli strali dei guardiani della misericordia, è costretto a celare la sua identità) mi ha inviato la lettera che volentieri vi propongo. Una lettera aperta ai cattolici tedeschi, scritta da chi ha avuto la possibilità di conoscere da vicino quella realtà e già molti anni fa vide dove si andava a parare.

***

Sine ut mortui sepeliant mortuos suos: tu autem vade, et annuntia regnum Dei

Lc 9, 60

Miei cari fratelli e sorelle, sono profondamente unito a voi nella sofferenza per la Chiesa.

Ho ben conosciuto il vostro ambiente ecclesiale. Nel 1990 studiai alla facoltà teologica di Innsbruck; quindi, non sono per niente sorpreso degli attuali sviluppi. Già allora si percepiva molto l’odio contro Roma, soprattutto contro il Papa, a causa delle sue nomine episcopali. L’autentica dottrina cattolica – almeno in ambito accademico – era già stata sostituita da un’ideologia razionalistica che, col tempo, ha impregnato tutto. Già allora la Chiesa era considerata una società puramente umana, nella quale non vale alcuna stabile limitazione e tutte le cariche devono essere accessibili a ogni membro.

Si tratta in realtà di una visione protestante, ma i suoi sostenitori non vogliono affatto uscire dalla Chiesa cattolica, bensì trasformarla dall’interno. Questo scopo rivoluzionario si basa su un atteggiamento idealistico: il pensiero ha il ruolo di determinare la realtà; i “teologi” sono perciò riconosciuti come l’unica autorità ecclesiale, anche se conoscono a stento la dottrina della fede e della morale. Nel frattempo, uno storicismo assoluto ha improntato ogni disciplina teologica: la dogmatica, la morale, la liturgia, il diritto canonico, la spiritualità… Di fatto, hanno creato una “religione” completamente nuova.

L’organizzazione apostatica che in modo ingannevole si presenta come gerarchia cattolica di lingua tedesca poggia unicamente sulla tassa ecclesiastica. Smettete di pagarla e rivolgetevi alle comunità tradizionali. In questa inedita forma di persecuzione, i credenti devono conservare l’essenziale, cioè la retta fede e lo stato di grazia. La struttura ecclesiale che oggi vi opprime presto si svuoterà e alla fine imploderà. Se Roma non interviene nel problema, è vostro compito far sopravvivere la vera Chiesa con la vostra fedeltà. La situazione attuale costituisce una sfida eccezionale che richiede una risposta eccezionale.

La Provvidenza ci ha affidato un difficile incarico, ma anche donato grazie preziose e preparato una speciale ricompensa. Possiamo adempierlo solo con mezzi soprannaturali, con la preghiera costante e la forza dei Sacramenti. Il Signore non ci lascerà mai soli nella battaglia; al contrario, dobbiamo separarci dal moribondo circolo di eretici e proseguire sulla nostra strada, la strada della salvezza e della vita. Non è mancanza di carità abbandonare al proprio destino chi erra colpevolmente, quando si è invano tentato tutto il possibile per richiamarlo indietro. «Lascia che i morti seppelliscano i loro morti; tu va’ e annuncia il regno di Dio!» (Lc 9, 60).

La prova migliore della nostra appartenenza al Corpo Mistico di Cristo è la mite, serena e tranquilla fermezza che, in virtù della grazia, possiamo opporre all’aspra, illegittima e frustrata durezza dei rivoluzionari. Con la forza di questa certezza, vi benedico tutti con tutto il cuore nel Sangue prezioso del nostro Redentore, vincitore della morte e del peccato, Figlio di Dio e della Vergine immacolata.

Un sacerdote italiano

* * * * *

Cari amici di Duc in altum, è disponibile il mio nuovo libro: La trave e la pagliuzza. Essere cattolici “hic et nunc” (Chorabooks).

Uno sguardo sulla situazione della Chiesa cattolica e della fede. Senza evitare gli aspetti più controversi e tenendo conto dell’orizzonte dei nostri giorni, segnato dalla vicenda del Covid. Un diario di viaggio in una realtà caratterizzata da profonde divisioni, ma con la volontà di costruire, non di distruggere. E sapendo che il processo di conversione riguarda tutti, a partire da se stessi.

Il volume prende in esame questioni disparate (dal Concilio Vaticano II al pontificato di Francesco, dalla vita spirituale in regime di lockdown alle vicende vaticane, dal great reset alle questioni bioetiche) ma con un filo conduttore: l’amore per la Chiesa e la Tradizione, unito a una denuncia chiara sia delle derive moderniste sia delle nuove forme di dispotismo che limitano o negano le libertà fondamentali.

* * * * *

Sei un lettore di Duc in altum? Ti piace questo blog? Pensi che sia utile? Se vuoi sostenerlo, puoi fare una donazione utilizzando questo IBAN:

IT65V0200805261000400192457

BIC/SWIFT  UNCRITM1B80

Beneficiario: Aldo Maria Valli

Causale: donazione volontaria per blog Duc in altum

Grazie!

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *