lo-scultore-del-papa-colpisce-ancora.-ecco-l’inquietante-dono-agli-indiani-canadesi

Lo scultore del papa colpisce ancora. Ecco l’inquietante dono agli indiani canadesi

Pare che gli indiani del Canada non si siano ancora ripresi dopo aver visto il dono che Francesco ha voluto fare a tutti loro: una statua, realizzata da Timothy Schmalz, che mostra una Madonna che sembra un uomo. E anche piuttosto incavolato.

Scultore già tristemente noto per aver realizzato l’orrenda opera che deturpa piazza San Pietro, ovvero Angels Unawares (Angeli senza saperlo), che mostra centoquaranta migranti in piedi sopra una barca, Schmalz ha deciso di concedere il bis su richiesta esplicita di Bergoglio.

La statua che il papa ha lasciato in Canada dovrebbe raffigurare Maria che scioglie i nodi, devozione cara a Bergoglio, ma il risultato è un altro pugno nell’occhio.

Dare un che di demoniaco a una statua che dovrebbe rappresentare la Madonna è impresa ardua, eppure Schmalz ci è riuscito. Ed è forse per questo che l’artista (!) è tanto valutato a Santa Marta, dove già si sono cimentati in materia con i presepi allestiti in piazza San Pietro.

Con grande sprezzo del ridicolo il National Catholic Reporter scrive che se “Papa Giulio II aveva Michelangelo e Raffaello, papa Francesco ha Timothy Schmalz”. E “così come gli artisti rinascimentali del Cinquecento hanno lasciato un segno indelebile in Vaticano attraverso opere che riescono ancora a comunicare secoli dopo, negli ultimi anni è l’opera di Schmalz, scultore di origine canadese, che ha recepito i messaggi del pontificato di Francesco e li ha cesellati in forma permanente”. Purtroppo, ci permettiamo di aggiungere.

La statua Mary, Untier of Knots è stata benedetta da Francesco al lago Sant’Anna, luogo di pellegrinaggio per i popoli indigeni del Nord America e secondo Schmalz “non c’è simbolo migliore per l’attuale tentativo di papa Francesco di chiedere scusa per gli abusi nelle scuole gestite dalla Chiesa cattolica”. Che poi di tali abusi non ci sia prova è solo un dettaglio di cui un artista (!) certamente non deve curarsi

“È un ritratto del suo cuore”, spiega ancora Schmalz riferendosi a Francesco. E forse in questo senso può essere che non abbia tutti i torti.

A.M.V.

blogducinaltum@gmail.com

Sei un lettore di Duc in altum? Ti piace questo blog? Pensi che sia utile? Se vuoi sostenerlo, puoi fare una donazione utilizzando questo IBAN:

IT64Z0200820500000400192457

BIC/SWIFT: UNCRITM1D09

Beneficiario: Aldo Maria Valli

Causale: donazione volontaria per blog Duc in altum

Grazie!

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.