l’ultimo-saluto-a-serianni-alla-sapienza,-anche-mattarella-alla-camera-ardente.-bianchi:-“ha-cambiato-molto-della-scuola”

L’ultimo saluto a Serianni alla Sapienza, anche Mattarella alla camera ardente. Bianchi: “Ha cambiato molto della scuola”

Dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, arrivato all’apertura della camera ardente, al sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, all’assessore alla Cultura capitolino Miguel Gotor, passando per il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi e per la rettrice dell’università La Sapienza di Roma, Antonella Polimeni.

La camera ardente nell’Ateneo dove Serianni ha insegnato fino al 2017. Serianni è morto giovedì a 74 anni. L’aula della Sapienza gremita, silenziosa e commossa. Accanto al feretro, la corona del presidente della Repubblica.

I maestri – ha detto il ministro Bianchi- non si ricordano per i gesti o le parole, ma per come ti hanno cambiato. E lui ha cambiato tutti noi e nel complesso anche molto della scuola italiana. Se la scuola italiana è in grado di affrontare le intemperie di questi anni è per la profonda moralità, senso dello stato che Luca Serianni ha sempre testimoniato”.

A ricordare il linguista la rettrice della Sapienza Polimeni: “un grandissimo docente, un servitore dello Stato, un uomo che ha saputo appassionare generazioni di studenti e studentesse che in questi giorni lo hanno ricordato con un tributo che si riserva alle persone di famiglia. Luca Serianni era un professore e un maestro. Per noi della Sapienza è una giornata molto triste, ma è triste per l’Italia intera perché Luca Serianni è stato un pilastro della cultura italiana”. I funerali saranno celebrati domani alle 10 a Ostia nella chiesa di Santa Maris Regina Pacis.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.