mascherine-a-scuola,-e-polemica-speranza,-“no-obbligo-alla-partenza-poi-si-valutera”.-bassetti,-“mascherine-non-servono-a-niente”-–-orizzonte-scuola-notizie

Mascherine a scuola, è polemica. Speranza, “No obbligo alla partenza poi si valuterà”. Bassetti, “mascherine non servono a niente” – Orizzonte Scuola Notizie

A settembre la mascherina a scuola sarà obbligatoria? “Alla partenza sicuramente no, poi si valuterà il quadro epidemiologico passo dopo passo. L’auspicio è che si possa utilizzare il tema della raccomandazione e della responsabilità individuale rispetto all’obbligo. Sarei un po’ più cauto nel dire no mascherina”.

Così il ministro della Salute  Roberto Speranza a RTL 102.5.

No obbligo – ha precisato – non significa però no mascherina, questo vale per uno stadio, per una serata al cinema o al teatro. Dire che non c’è l’obbligo significa assumere sempre un elemento di responsabilità individuale“.

Affermazioni che hanno suscitato reazioni critiche sia dal mondo della scienza che dal mondo politico.

Così, ad esempio, il presidente della Liguria, Toti, ritiene eccessivo “ mettere le mani avanti ancor prima del suono della campanella“. “E’ ovvio – ha continuato – che monitoreremo costantemente la situazione, ma se c’è una cosa che abbiamo imparato è che il virus è cambiato, i vaccini ci hanno dato una preziosa ed efficace arma in più e il tempo della paura e delle restrizioni può e deve lasciare spazio a quello della convivenza e della responsabilità. Lo abbiamo fatto quest’estate, – conclude – gestendo un altro picco della pandemia senza applicare alcuna restrizione.”

Critiche anche dal mondo della scienza. “E’ importante dire che non possiamo continuare a portare avanti una linea unica” rispetto al resto del mondo “pensando che tutti gli altri sbaglino. Quindi per quanto riguarda le mascherine nelle scuole, se tutti gli altri Paesi del mondo le hanno tolte, perché noi dobbiamo continuare con questa querelle?”, bacchetta Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova.

Per il direttore si tratta di una “polemica ideologica che non ha nulla di scientifico“, “perché – incalza – se ci fosse evidentemente un forte sostegno scientifico” questa misura “anche altri Paesi europei a noi vicini avrebbero continuato a utilizzarla. In realtà la mascherina a scuola non serve assolutamente a niente perché i momenti in cui i ragazzi possono contagiare e infettare sono all’ingresso e all’uscita da scuola, e nei momenti comuni più che quando stanno seduti al banco. Siamo di fronte a un virus che oggi fa meno male, ai ragazzi problemi non ne dà. In una situazione in cui c’è il vaccino per coprirsi, non vedo la ragione per cui si debba ancora continuare con l’obbligo di mascherina”.

Ma come si fa il 27 agosto – conclude – a 2 settimane dalla inizio delle scuole, a dire una cosa del genere? Dopo che per tutta l’estate, giustamente, nessuno dei ragazzi l’ha indossata in spiaggia, in discoteca, al cinema, all’aperitivo, ai concerti e alla gita in montagna?“.

La redazione di Orizzonte Scuola ha predisposto delle FAQ sulla base dei documenti normativi finora pubblicati

Inizio scuola 2022: stop mascherine e obbligo vaccinale per il rientro in classe. DAD può essere richiesta. Le nostre FAQ

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.