mentre-il-settore-della-cultura-piange,-spuntano-i-soldi-per-gli-spettacoli-dei-migranti

Mentre il settore della Cultura piange, spuntano i soldi per gli spettacoli dei migranti

Ci sarebbe da ridere, se non ci fosse da piangere. Se non ci fosse urgentemente da concepire l’idea che questo popolo ha smesso di esistere, in quanto comunità unità da un destino e da un’identità tradotti nella sua storia, quando ha cominciato ad accettare supinamente alcuni accadimenti. Quando ha iniziato a scendere a compromessi con la propria dignità. Così ormai da mesi e, forse, per altri mesi. Ormai il meccanismo è innescato. Ci sarebbe da ridere, se non ci fosse da piangere, per la satira che, ormai, supera abbondantemente la realtà. E plasma, e viene plasmata, da una classe di uomini, ancor prima che di politici, da rifondare mentre tocchiamo il fondo ogni giorno. Ci sarebbe da ridere, se non ci fosse da strapparsi i capelli per la rabbia, quando si legge che, nonostante la Cultura non sia rientrata per oltre un anno nelle concessioni dell’identità virologica – che ridisegna la vita puntillistica dei replicanti che nasce all’alba e muore al tramonto delle priorità scientifiche di casta e ti dice, come devi mangiare al ristorante, come fare l’amore, come ballare in discoteca -, né nelle mire della democrazia pandemica, provocando la castrazione del settore culturale italiano e la disperazione di migliaia di lavoratori, oggi vengono stanziati dallo Stato quasi 400mila euro per gli spettacoli pro migranti (così come sottolineato anche da Francesco Giubilei su Il Giornale).

Adesso scegliete voi se ridere o piangere. 385mila euro finanziati da una società controllata interamente dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, la Ales SpA, la firma del decreto del ministro Franceschini durante il governo Conte, nell’ottobre 2020, e voilà, il gioco è fatto: “MigrArti” è realtà. “Contribuire alla valorizzazione e alla diffusione delle culture di provenienza delle comunità di immigrati stabilmente residenti in Italia”, ecco la via maestra del progetto.
Accese le proteste, specie da parte del sottosegretario leghista Borgonzoni che ci auguriamo servano a qualcosa. Ma la vediamo difficile.

La colonizzazione della pandemia, da parte delle sinistre, ormai ridotte a Sinistrash – fase della nuova adolescenza rossa che innalza l’odio cieco e la volontà di estinguere tutto ciò che si pone come alternativo all’imposto, come missione di vita – prosegue nello spirito che fu di Speranza (il coronavirus sciolto in società come opportunità per dare forza all’egemonia della sinistra).
A proposito, va ricordato: chi di Speranza vive, disperato muore. Un piccolo appunto solo per riportare alla mente di tutti la necessità di agire civilmente ma concretamente contro questa vergogna che, ormai da più di un anno, ci rende cittadini de iure e sudditi de facto, contro questa classe di aborti umani, i mai nati come uomini, figuriamoci come politici. Non possiamo difenderci utilizzando gli strumenti concessi da chi opprime.
Ci sarebbe da ridere e poi da piangere…

L’articolo Mentre il settore della Cultura piange, spuntano i soldi per gli spettacoli dei migranti proviene da CulturaIdentità.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *