mobilita-docenti:-chi-avra-il-blocco-triennale-dal-2022/23?-nuovo-incontro-al-ministero-–-orizzonte-scuola-notizie

Mobilità docenti: chi avrà il blocco triennale dal 2022/23? Nuovo incontro al Ministero – Orizzonte Scuola Notizie

Mobilità docenti per l’anno scolastico 2022/23: nuovo incontro tra Ministero e sindacati, ma ancora nulla di fatto. Prossimo confronto calendarizzato per mercoledì 2 novembre. Al centro della discussione i vincoli territoriali.

A tenere banco, negli incontri sull’integrazione del CCNI sulla mobilità, è il vincolo che impedisce di presentare domanda di trasferimento.

Vincolo nuovamente introdotto con il DL 36/2022

L’Amministrazione –  riferisce la Cisl Scuola – ha ribadito ancora una volta l’intenzione di applicare agli assunti nell’anno scolastico 2022/23 il nuovo blocco triennale.

La Cisl Scuola ha ribadito come le novità legislative introdotte abbiano completamente mutato il quadro delle disposizioni a proposito di vincoli alla mobilità. di conseguenza, le nuove disposizioni contenute nel DL 36/2022 andranno applicate solo ed esclusivamente ai docenti assunti attraverso le nuove procedure previste dallo stesso decreto.

Tenuto conto della distanza tra le parti, la riunione è stata aggiornata a mercoledì prossimo.

Di cosa si era parlato nel precedente incontro

Già la UIL Scuola aveva specificato di aver ribadito al Ministero “come il decreto-legge n. 36 annulli tutta la materia relativa ai vincoli di legge, compreso il blocco triennale per tutti coloro che hanno ottenuto una mobilità interprovinciale per l’anno scolastico 2022/23 in una qualsiasi preferenza espressa nella domanda. Per tali motivi riteniamo che comunque i vincoli sulla mobilità introdotti dal decreto-legge n. 36 potranno riguardare eventualmente solo i docenti vincitori dei nuovi concorsi che ancora non sono stati banditi anche a seguito della mancata emanazione dei relativi decreti attuativi. Abbiamo altresì ribadito come in ogni caso tale materia può sempre essere derogata dai Contratti e dalla contrattazione”.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *