Tragedia a Modena. Un’anziana è precipitata dal balcone della propria abitazione. Per la poveretta non c’è stato nulla da fare.

Si chiamava Teresa Jawicka Drota e aveva 60 anni la donna caduta dal balcone del proprio appartamento al terzo piano in via Pagliani, nella zona residenziale di Buon Pastore a Modena. La poverina ha terminato il suo volo nel cortile interno del condominio morendo sul colpo.

. ANSA/TINO ROMANO/ARCHIVIO

Sul caso sta indagando la Polizia. Per il momento si esclude che si sia trattato di omicidio. L’ipotesi più probabile pare essere quella dell’incidente domestico. Dalle prime ricostruzioni sembrerebbe che la 60enne stesse facendo le pulizie quando la ringhiera in vetro ha ceduto facendola cadere di sotto. La donna abitava assieme al marito il quale , tuttavia, ha dichiarato di non essere presente in casa al momento della tragedia. Inutili tutti i tentativi dei vicini di soccorrere Teresa che è spirata praticamente subito. Nei prossimi giorni gli agenti dovranno stabilire se la donna stesse pulendo il vetro che fungeva da parapetto in una parte del terrazzo o se lo stesse in qualche modo aggiustando visto che a terra, non lontano dal corpo, è stato ritrovato un martello. La Polizia non ha ancora liberato il campo dall’ipotesi di suicidio anche se tutto lascerebbe pensare ad una tragica fatalità piuttosto che all’intenzione di farla finita. Quando le Forze dell’ordine sono arrivate sul posto l’appartamento era chiuso dall’interno, di conseguenza si esclude la presenza di altre persone che possano essere state coinvolte nel sinistro. Qualche tempo fa a Roma accadde una tragedia molto simile a questa: a precipitare giù fu una bambina di 4 anni. La piccola era stata lasciata in casa da sola perché i genitori lavoravano e i nonni erano usciti.  A trovare il corpicino della piccola immerso in una pozza di sangue fu uno dei condomini del palazzo attirato dal lamento straziante della bambina