no,-i-simpson-non-hanno-previsto-l’epidemia-di-vaiolo-delle-scimmie

No, I Simpson non hanno previsto l’epidemia di vaiolo delle scimmie

Il 25 maggio 2022 su Facebook sono state pubblicate due immagini, una di seguito all’altra, tratte dalla serie animata “The Simpson”: nella prima si vede Homer Simpson, protagonista della serie, seduto sul divano insieme a una scimmia; la seconda mostra Homer ricoperto di bolle rosse su tutto il corpo. 

Le immagini sono accompagnate da questo commento, scritto da chi ha pubblicato il post su Facebook: «Ops….. Hahaha tutto previsto e deciso? Oppure un susseguirsi di coincidenze Ma saranno i Simpson ad ispirarsi ai piani di qualche psicopatico plenipoteri oppure sono i plenipoteri ad ispirarsi ai Simpson? Della serie prima l uovo o la gallina ci fu?? Tic tac». Secondo l’autore del post, I Simpson avrebbe quindi previsto i recenti focolai di vaiolo delle scimmie (o monkeypox) emersi in diversi Paesi, dove il virus non è endemico.

Il contenuto oggetto di verifica è fuorviante e veicola una notizia falsa. Andiamo con ordine.

Il vaiolo delle scimmie è un’infezione endemica in alcune parti dell’Africa, causata da un virus della stessa famiglia del vaiolo, ma che si differenzia per minore gravità e capacità di diffusione. Il virus è diffuso in particolare tra primati non umani e piccoli roditori e si trasmette dall’animale all’uomo attraverso la saliva ed altri fluidi dell’animale, o in seguito a un contatto diretto. 

Passiamo alle due immagini in questione. Si tratta di scene reali de I Simpson, ma si riferiscono a due episodi differenti che non hanno alcun legame tra loro. 

La prima immagine – quella che mostra Homer in compagnia di una scimmia – proviene da un episodio andato in onda nel 1998 intitolato “Girly Edition”. La seconda immagine, invece, con Homer ricoperto da piccole bolle rosse, è ripresa da un episodio andato in onda nel 2005 intitolato “Milhouse of Sand and Fog”. Durante questa puntata Homer viene contagiato dalla figlia più piccola, Maggie, malata di varicella.

Clicca qui per iscriverti alla newsletter di Facta

Ogni sabato mattina riceverai il meglio del nostro lavoro
 

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.