ospedale,-lega-assisi-valuta-il-‘ritiro’-a-mozione-condivisa

Ospedale, Lega Assisi valuta il ‘ritiro’ a mozione condivisa

“Contestiamo l’atteggiamento del sindaco che ha strumentalizzato a fini politici un tema delicato come quello della sanità. Valuteremo in consiglio comunale quali saranno i passi necessari per affrontare la questione”. Ad affermarlo i consiglieri del Gruppo Lega Assisi Francesco Mignani e Jacopo Pastorelli dopo la visita del ministro della Salute Roberto Speranza cui il sindaco ha consegnato un dossier sull’ospedale di Assisi e una lettera di alcuni sanitari. Una lettera che tra l’altro segnalava la la precaria situazione lavorativa” sottolineando come “il rischio clinico è diventato troppo alto e la sicurezza dei pazienti non più garantita”, lamentele cui – al netto della baruffa politica e dello scambio di accuse – nessuno ha ancora risposto nel merito.

“Avevamo fatto una mozione condivisa con la maggioranza sulla questione dell’ospedale – proseguono i consiglieri Lega – Abbiamo messo tutte le nostre intenzioni per agire in sintonia con la maggioranza ed eravamo fiduciosi dei passi che avrebbe fatto la Regione e l’assessore regionale alla sanità Luca Coletto. Adesso con questa uscita della Proietti dobbiamo ricrederci sulle buone intenzioni dei consiglieri che sostengono il sindaco a lavorare insieme per il bene comune dell’ospedale. Valuteremo bene in consiglio comunale quali saranno i passi necessari per affrontare questa questione, sicuramente non sarà più un atteggiamento condiviso come siamo stati propensi ad affrontare fino ad oggi. Vorremmo addossare una ulteriore responsabilità alla Proietti, che con il suo tentativo continuo di campagna elettorale sta strumentalizzando l’ospedale mettendo a rischio le considerazioni fatte insieme per affrontare la questione. Noi siamo sicuri del buon operato della Regione e dell’assessore Coletto e delle garanzie che sul territorio riesce a darci il consigliere Pastorelli”.

L’articolo Ospedale, Lega Assisi valuta il ‘ritiro’ a mozione condivisa proviene da Assisi News.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.