pagamento-ferie-supplenti-contratto-covid:-differenza-tra-docenti-e-ata

Pagamento ferie supplenti contratto Covid: differenza tra docenti e ATA

Supplenti docenti e ATA Covid: si avvicina la data di scadenza del contratto e si tirano le somme, anche per le ferie. Alcune precisazioni.

Buongiorno, sono una collaboratrice scolastica assunta con contratto Covid. Ho richiesto alla scuola di poter usufruire delle ferie non godute, 14 giorni, a partire a ritroso dall’ultimo giorno lavorativo, 8 giugno 2021.Mi è stata rifiutata la richiesta e hanno aggiunto che non possono pagarmele. Può leggittimamente e secondo norma il segretario scolastico rifiutarsi poiché la mia assenza creerebbe dei problemi oppure è  OBBLIGATO  ad accordarmi le ferie richieste?

di Giovanni Calandrino – La risposta in merito al quesito si trova – ma la linea è generale – nel decreto di Modifica all’assegnazione di ulteriori contratti di personale docente e ATA dell’USR Lazio del 4 febbraio 2021

La rimodulazione delle risorse è stata fatta tenendo conto

“di dover, altresì, tener conto dell’esigenza di dover liquidare e pagare, in futuro, anche le ferie non fruite”

Ecco cosa dice l’USR

DATO ATTO che, in applicazione del citato articolo 1, comma 54, della legge n. 228 del 2012 «Il personale docente di tutti i gradi di istruzione fruisce delle ferie nei giorni di sospensione delle lezioni definiti dai calendari scolastici regionali, ad esclusione di quelli destinati agli scrutini, agli esami di Stato e alle attività valutative.»

DATO ATTO che, conseguentemente, il personale docente può chiedere il pagamento delle ferie maturate, nel limite di quelle eccedenti i giorni di sospensione delle attività didattiche compresi nel periodo del proprio contratto;

DATO ATTO che i contratti sino all’8 giugno o sino al 30 giugno non consentono di fruire ferie per, rispettivamente, 10 e 11 giorni;

DATO ATTO che, viceversa, il personale collaboratore scolastico può sempre fruire le ferie, salvo il caso di interruzioni imprevedibili del contratto, e, dunque, non può chiedere di monetizzare quelle non fruite;”

Differenza tra docenti e personale ATA

Il personale docente è tenuto a chiedere il pagamento delle ferie solo per i giorni eccedenti i giorni di sospensione delle attività didattiche, di cui ha potuto usufruire all’interno del contratto.

Il collaboratore scolastico può sempre fruire delle ferie, e dunque non può chiedere eventuale monetizzazione.

In considerazione dei fatti esposti le soluzioni sono due o usufruisce delle ferie prima della scadenza naturale del contratto oppure impugna l’eventuale diniego delle ferie.

LE FERIE SONO UN DIRITTO IRRINUNCIABILE!

Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]

Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *