percepivano-reddito-di-cittadinanza,-ma-erano-stranieri-residenti-all’estero:-la-truffa-clamorosa-a-torino

Percepivano reddito di cittadinanza, ma erano stranieri residenti all’estero: la truffa clamorosa a Torino




Roma, 3 ago – Il reddito di cittadinanza agli stranieri già è discutibile di per sé, se poi neanche vivono in Italia diventa addirittura una ridicola farsa. E una farsa – nonché una bella truffa – è quella scoperta a Torino dalla Guardia di Finanza, come riportato dall’Ansa.

Reddito di cittadinanza a stranieri che nemmeno vivevano in Italia

Quasi un milione e mezzo di euro. Questo l’ammontare della truffa clamorosa scoperta a Torino dalla procura. Un vero e proprio sistema di appropriazione indebita, quello messo in piedi per ottenere il reddito di cittadinanza nel capoluogo piemontese, ma essendo a stranieri e – beffa finale – neanche residenti o domiciliati in Italia. La Guardia di Finanza scopre un’organizzazione strutturata e arriva a condurre cinque misure cautelari, di cui una agli arresti domiciliari, dirette contro dei cittadini romeni.

Le indagini e la scoperta

A coordinare le indagini è stata la Procura di Torino, consentendo così di trovare una dipendente dell’Istituto di Patronato ente nazionale assistenza sociale ai cittadini/Caf Unione nazionale sindacale imprenditori e coltivatori. Tale dipendente, infatti, avrebbe inoltrato molte richieste di reddito all’Inps, ma con lo scopo di consentire l’erogazione illecita dello stesso. Circa 314 domande, prevalentemente romene, avevano dichiarato di risiedere in zona. E la donna, utilizzando i documenti e le dichiarazioni fasulle, avallava. Poco conta se molte di queste persone nemmeno vivesse in Italia: l’importante era far approvare ed erogare il pagamento. Tra la donna e i beneficiari c’era il “collante” di quattro romeni, i quali agivano da tramite.

Alberto Celletti

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.