perugia-1416,-sara-becchetti-e-la-prima-dama-del-magnifico-rione-di-porta-san-pietro

Perugia 1416, Sara Becchetti è la prima dama del Magnifico Rione di Porta San Pietro

PERUGIALe tessere del puzzle che portano a definire il quadro di Perugia 1416 edizione 2022 si stanno componendo. Una di queste che si è andata ad aggiungere alle altre, si chiama Sara Becchetti che è la prima dama del Magnifico Rione di Porta San Pietro. Ha 39 anni, è nata a Perugia e abita a Ponte Valleceppi. E’ titolare di un attività commerciale di macchine da cucire e merceria e il suo hobby coincide con il suo lavoro. Sara, infatti, è appassionata di cucito creativo, Patchwork e realizza personalizzazioni ricamate.

“E’ stata – racconta Sara Becchetti – una bella esperienza. C’era un clima molto disteso ed amichevole tra le candidate, non ho sentito né la tensione né il senso di competizione che ci potrebbe essere in queste occasioni. Abbiamo avuto modo di conoscerci, di parlare della manifestazione e della sfilata storica”.

La sua elezione si è tenuta ieri, domenica pomeriggio 29 maggio, nella nuova sede dell’associazione Perugia1416 in via Oberdan 50 a Perugia, con ritrovo dei partecipanti in fondo alle scalette di Sant’Ercolano dove hanno sfilato le sette candidate – che hanno percorso anche in parte l’interno della Rocca Paolina – davanti al pubblico, ai rappresentanti dei cinque rioni e al vice presidente dell’associazione Perugia1416, Riccardo Bachiorri.

Francesco Berardi, console del Magnifico Rione di Porta San Pietro: “Siamo molto soddisfatti di questa elezione perché le candidate rappresentavano il popolo femminile del rione a 360 gradi e si sono presentate spontaneamente, senza alcuna sollecitazione. L’elezione della prima dama non è un concorso di bellezza ma una selezione fatta attraverso la valutazione di vari parametri”.

Mercoledì 1 giugno alle ore 11 ci sarà l’inaugurazione della nuova sede dell’associazione Perugia1416. E’ in programma la benedizione dei locali, il saluto delle autorità e della presidente Teresa Severini e lo scambio dei doni con le associazioni dei commercianti del centro storico perugino a suggello del patto di amicizia con Perugia1416. A seguire, per il ciclo di conferenze Aspettando Perugia1416: “Il grosso e le monete in uso a Perugia durante il periodo di Braccio”. Previsto l’intervento di Andrea Cavicchi, numismatico e storico della moneta. Saranno esposti il grosso, il bolognino ed il denaro picciolo. Ingresso libero ed accesso secondo le norme vigenti.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.