posizione-dell'antilope:-come-si-fa,-vantaggi,-controindicazioni-e-varianti

Posizione dell'antilope: come si fa, vantaggi, controindicazioni e varianti

Tra le posizioni del Kamasutra una delle meno note è probabilmente la posizione dell’antilope.

Prima di addentrarci in questa materia, urge una premessa non eteronormativa: quando si affrontano questi argomenti, che ineriscono il sesso penetrativo, il rischio che si corre è di riferirci a essi seguendo il binarismo uomo-donna. In realtà tutte le coppie possono fare questa posizione e non c’è bisogno che chi penetra sia necessariamente dotato di un pene, tanto che anche le coppie lesbiche vi si possono dedicare, se hanno piacere, con l’utilizzo di uno strap on.

 

Posizione dell’antilope: come si fa?

Posizione dell'antilope
Fonte: iStock

Dicevamo: si tratta di una posizione che prevede la penetrazione. Chi viene penetrato o penetrata si sistema in ginocchio, appoggiando pugni o gomiti davanti a sé. Chi penetra appoggia il suo torso sulla schiena del proprio partner o della propria partner, cosa che consente, a mani libere di chi penetra, anche la stimolazione, eventualmente, della clitoride di chi è penetrato – sempre che appunto chi viene penetrato abbia la clitoride.

Chi è penetrato può anche sperimentare diverse angolazioni della schiena, dando ulteriore impulso alla penetrazione stessa.

 

I vantaggi della posizione dell’antilope

I vantaggi sono molteplici. La posizione dell’antilope:

  • va bene sia per i rapporti occasionali che quelli che avvengono in una relazione collaudata. Per i rapporti occasionali abbiamo la distanza legata al fatto che i partner non sono costretti a guardarsi negli occhi durante il rapporto, per le relazioni stabili abbiamo invece la possibilità di far sentire a contatto parti del corpo che solitamente non lo sono, trasmettendo implicitamente il sentimento (se c’è);
  • si può eseguire dappertutto. Certo, il letto è sempre più comodo, ma questa posizione si può fare molto facilmente in automobile, sul pavimento, sulle scale o magari all’aperto, sul prato, se avete un bel giardino privato;
  • la possibilità di stimolare la clitoride;
  • una penetrazione molto profonda.

 

Posizione dell’antilope: le controindicazioni

Posizione dell'antilope
Fonte: iStock

Non ci sono molte controindicazioni per eseguire la posizione dell’antilope. Sicuramente se uno o entrambi i partner hanno dei problemi alle ginocchia o ai polsi, sconsigliamo di farla: bisogna stare un po’ di tempo puntellati sulle estremità, per cui potrebbe essere disagevole o addirittura dannosa (con i pugni però si sta un po’ più comodi).

Un cuscino comunque può sempre aiutare, ma solo se stiamo vagliando la cosa in assenza di patologie (come per esempio artrosi o artrite) legate a queste parti del corpo.

 

Le varianti della posizione dell’antilope

Possono essere considerate varianti della posizione dell’antilope tutte quelle posizioni del Kamasutra che prevedono una penetrazione da dietro. O magari è l’antilope che è una variante di esse. Ma non importa: quando si ha un rapporto sessuale non c’è necessità di sapere come si chiama una pratica o una posizione: l’importante è decidere insieme se ci piace oppure no e parlarne vicendevolmente con il partner oppure la partner.

Comunque tra le posizioni derivanti o derivate rispetto all’antilope, ci sono:

  • doggy style. È la posizione in cui chi viene penetrato si sistema a 90° per ricevere il pene o lo strap on, nello stesso modo in cui hanno rapporti i cani (da cui il nome). Può avvenire su un letto, ma anche su un divano o sul tavolo: la differenza con l’antilope è proprio che nel doggy style il penetrato o la penetrata può contare su un piano d’appoggio;
  • amazzone rovesciata. In questa posizione chi penetra è steso supino, mentre chi viene penetrato sta sopra dando le spalle al partner o alla partner, provando diverse angolazioni della schiena;
  • cucchiaio. Chi viene penetrato è posto lateralmente, dando le spalle al partner o alla partner, che aderisce all’altra persona con il torso;
  • aeroplano. Questo nome ce lo siamo inventato, ma è una posizione possibile. Chi è penetrato è disteso prono, mentre chi penetra aderisce ancora una volta con il torso alla schiena dell’altra persona. È una posizione che richiede una certa pratica e una certa lubrificazione affinché sia agevole e comoda.

Vorrei vivere in un incubo di David Lynch. #betweentwoworlds

Suggerisci una correzione

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.