premio-ricerca-e-innovazione-a-medici-neurologia-perugia-–-umbria

Premio Ricerca e innovazione a medici Neurologia Perugia – Umbria

Per progetto ricerca su Malattia di Lafora

(ANSA) – PERUGIA, 29 AGO – Un premio da 50 mila euro è stato assegnato dalla Fondazione malattie rare “Mauro Baschirotto” onlus a un progetto di ricerca realizzato presso la clinica neurologica dell’Università degli Studi di Perugia e mirato allo sviluppo di una terapia innovativa per la Malattia di Lafora. A condurlo sono stati la professoressa Cinzia Costa, neurologa, e il dottor Paolo Prontera, medico genetista, esperti in epilessia e in malattie rare.

    Il premio è stato sancito dalla consegna di una targa ai due professionisti, nella sala Montalcini del Creo. E’ stato assegnato – spiega l’Azienda ospedaliera in un comunicato – per “l’eccellenza della qualità nella ricerca e nella progettualità scientifica” nell’ambito delle epilessie, delle epilessie con neurodegenerazione, delle malattie genetiche rare e della terapia genica.

    Nel corso della breve cerimonia il presidente della Fondazione, Giuseppe Baschirotto, ha sottolineato come sia importante sostenere tutti quei progetti che possano produrre nuove conoscenze per poter arrivare ad un risultato scientifico importante nella cura delle malattie rare.

    La professoressa Cinzia Costa, nel ringraziare la Fondazione Baschirotto per il sostegno alla ricerca sulla Lafora, ha posto l’accento sull’importanza della diagnosi precoce per riconoscere i meccanismi della malattia, capire quando intervenire e con quale farmaco. Il Progetto condotto – ha spiegato – è mirato a scoprire un approccio terapeutico innovativo per rallentare o bloccare la progressione della malattia.

    Parole di riconoscenza alla Fondazione sono state espresse anche dal dottor Prontera, referente del Servizio di genetica medica, che ha ribadito l’obiettivo comune di sviluppare una terapia genica per la Malattia di Lafora, sottolineando l’importanza della sinergia tra ricerca preclinica e cura del paziente. (ANSA).

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.