presentazione-libro-“qui-dovevo-stare”-di-giovanni-dozzini,-sala-notari-29-maggio-ore-18

Presentazione libro “Qui dovevo stare” di Giovanni Dozzini, sala Notari 29 maggio ore 18

Presentazione libro

Presentazione libro “Qui dovevo stare” di Giovanni Dozzini, sala Notari 29 maggio ore 18

Sabato 29 maggio, alle ore 18.00, presso la Sala dei Notari (Palazzo dei Priori) l’Associazione Culturale Nemo, con il patrocinio del Comune di Perugia, presenta il nuovo romanzo di Giovanni Dozzini, giornalista, traduttore e scrittore, perugino di nascita ma già da tempo accreditato nel panorama letterario nazionale e internazionale (il suo precedente romanzo “E Baboucar guidava la fila”, edito da Minimum Fax, nel 2019 ha ottenuto il Premio letterario dell’Unione europea).  “Qui dovevo stare” è il suo ultimo lavoro, uscito appena pochi mesi fa, in piena recrudescenza pandemica, che solo oggi, allentate le maglie delle chiusure, è possibile presentare dal vivo.

Il romanzo offre un punto di vista profondo, che analizza la trasformazione della società in generale e della nostra comunità in particolare. Assieme all’autore ne parlano Caterina Martino, Vice Presidente Associazione Nemo, insegnate e scrittrice e Wladimiro Boccali, più volte Amministratore e Sindaco di Perugia, qui in veste di appassionato lettore e analista politico.

Qui dovevo stare” è la nostra storia, quella della città “dei rossi” che si danna e perde l’anima, della società contadina che entra a pieno titolo nella modernità disumanizzata, quella dei figli di comunisti che vivono da adulti la fragilità contemporanea senza più certezze emotive e materiali, con la paura come condizione ineliminabile e quotidiana.

“Qui dovevo stare” è la il racconto della perdita definitiva dell’ingenuità di un mondo intero, nel quale Perugia e la vicenda di Luca Bregolisse divengono un paradigma universale della condizione umana agli albori di questo secolo così violento e, per certi versi, radicalmente alienante.

Il romanzo è finalista al Premio Clara Sereni

Sinossi da Fandango Libri

Luca Bregolisse, detto il Brego, imbianchino quarantenne che se può lavora in nero, ha un passato da ragazzo dei centri sociali, una moglie a casa a cui non dà mai retta, una figlia piccola, un padre pensionato e comunista – che, quando è stato il momento, ha votato per la mozione Occhetto che ha ammazzato il partito – e un dipendente marocchino di nome Nabil pieno di guai, molti dei quali da ricondurre al figlio minorenne Mohamed, detto Massimino, che spaccia e ogni tanto scompare.

Il Brego lo sa come funzionano le cose, che prima in provincia tutti si stava meglio, senza immigrati e senza ladri, tanto che adesso è giusto pensare al porto d’armi, tra un caffè corretto con il suo amico il Tordo e un’occhiataccia della madre, che da morta gli si è appollaiata tra il sopracciglio e la tempia e non gli parla. Solo che le cose si complicano quando Massimino torna a casa pestato dalla polizia e poi si dilegua, Nabil smette di presentarsi al lavoro per andarlo a cercare, e la vita quotidiana fatta di paste al sugo, appuntamenti serali e puntate al bar sembra uscire dai suoi binari.

A quel punto, il Brego dovrà decidere se pensare a loro, a risolvere le cose come vorrebbe la moglie Pamela, o pensare a sé come vuole lui e costruirsi un futuro diverso da quello che gli è stato riservato. Qui dovevo stare racconta sedici giorni tra le maglie di un ragionamento interiore senza scampo e senza sconti, in un’escalation di disillusione e intolleranza, offrendo al lettore un rovesciamento di prospettiva provocatorio sulla mentalità e le scelte politiche di un Paese allo sbando, in cui il tessuto sociale è esploso e chi votava falce e martello oggi vota a destra, perché più del resto vale la paura.

Ingresso libero fino a esaurimento dei posti consentiti

L’accesso alla sala sarà regolato in conformità alle normative vigenti in materia di sicurezza sanitaria.

Info: nemoassociazioneculturale@gmail.com

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *