ragazze-travolte-e-uccise-da-treno-a-riccione,-le-ipotesi-e-la-testimonianza:-“ho-urlato,-non-erano-in-se”

Ragazze travolte e uccise da treno a Riccione, le ipotesi e la testimonianza: “Ho urlato, non erano in sé”

Il dramma alle 7, la sindaca: “Sconvolti”

Giovanni Pisano — 31 Luglio 2022

Ragazze travolte e uccise da treno a Riccione, le ipotesi e la testimonianza: “Ho urlato, non erano in sé”

Due ragazze travolte e uccise da un treno Alta Velocità, in transito alla stazione di Riccione e diretto a Milano, mentre attraversano i binari. Il dramma intorno alle 7 di domenica 31 luglio. Le due vittime non sono state ancora identificate. Secondo una prima ricostruzione, grazie anche ad alcune testimonianze raccolte dalla polizia ferroviarie, le due ragazze sono state viste arrivare in stazione e attraversare i binari barcollando, probabilmente dopo una nottata trascorsa nei locali della movida romagnola.

Da brividi la testimonianza di un uomo, Pietro, che gestisce il bar della stazione di Riccione. All’agenzia Agi racconta che “stavo caricando il distributore delle bibite, erano circa le 6.30/6.40 quando mi si è avvicinata una bellissima ragazza vestita di nero che mi chiede qualcosa ma ho subito capito che non era in sé”.

Secondo il gestore del bar una delle due ragazze ha attraversato i binari scalza: “Mi ha detto – prosegue – che non aveva soldi e che le avevano rubato il telefonino. Successivamente si è allontanata di due metri e si è incontrata con una sua amica vestita di verde e con gli stivali in mano quando all’improvviso si sono dirette al binario 2 dove era fermo il treno per Ancona. Quando ho capito cosa volessero fare ho urlato, tutti dietro di me hanno urlato, poi ho sentito il fischio fortissimo del treno e una botta tremenda. Poi non ho capito più nulla, tutti urlavano”. 

Il traffico ferroviario è stato sospeso tra Rimini e Cattolica, in direzione Ancona e si stanno predisponendo servizi sostitutivi ai treni regionali con degli autobus. Sul posto oltre alla polfer, anche i carabinieri e gli agenti della Questura di Rimini. Oltre alle testimonianze dei testimoni che hanno assistito alla tragedia, gli investigatori in queste ore stanno visionando anche le immagini delle telecamere in stazione per ricostruire la dinamica dell’incidente.

Al momento non si esclude nessuna ipotesi: da un attraversamento imprudente, a un litigio tra le due finito sui binari, a un tentato suicidio di una delle due con l’altra che tenta di fermarla ed entrambe finiscono travolte dal treno in corsa.

“Siamo sconvolti. Sono vicina al dolore delle famiglie e il nostro pensiero è solo per le madri delle ragazze”. Lo dice Daniela Angelini, sindaca di Riccione.

Napoletano doc (ma con origini australiane e sannnite), sono un aspirante giornalista: mi occupo principalmente di cronaca, sport e salute.

© Riproduzione riservata

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.