rincaro-delle-multe-e-mance-ai-camerieri,-le-decisioni-del-governo

Rincaro delle multe e mance ai camerieri, le decisioni del Governo

Sono ore concitate al Governo dove è appena stato depositato il testo della nuova Manovra: in esso si parla di molte sfaccettature dell’economia italiana. Facciamo un focus però sul rincaro delle multe e sulle mance ai camerieri.

governo rincaro multe
Meloni e Giorgetti a confronto (foto da lapprofondimento.it)

Sono ore frenetiche quelle che sta vivendo il governo in questo momento: è stato infatti da poco depositato il nuovo testo della Manovra. In esso sono contenuti 136 articoli divisi in 15 capitoli e strutturati in 70 pagine.

Il disegno di legge affronta moltissimi punti legati all’economia italiana come cuneo fiscale, paletti sulla flat tax, fondi per la sovranità alimentare o le Olimpiadi invernali 2026. Si dà poi molta importanza a due punti: il calo delle tassazioni riguardo le mance ai camerieri ed il fattore multe.

manovra meloni governo
Giorgia Meloni, leader del Governo (foto da urbanpost.it)

Una delle prime informazioni che ci arriva da questo testo è che il taglio del cuneo fiscale durerà per un intero anno: sarà infatti aumentato del 3% per tutti coloro che percepiscono tredici mensilità con un corrispettivo non superiore a 1538 euro. Un secondo punto che risalta all’occhio è il seguente: la tassa forfait al 15% degli autonomi sale da 65 a 85mila euro ma con un paletto. Infatti salta anche nel corso dell’anno, in modo retroattivo, se il contribuente supera i 100mila euro di ricavi o compensi.

Leggi anche: Tredicesima a Dicembre, chi può averla anche se ha lavorato poco

Saliranno di costo anche le sigarette, i sigari ed i trinciati: dovrebbe incrementare il loro prezzo di circa 70 centesimi. Ancora, un altro punto da snocciolare prevede meno tassazioni sulle mance ai camerieri: l’importo infatti verrà tassato con un’imposta al 5% in modo da sostituire l’Irpef. Il prelievo ridotto, che dovrà essere trattenuto dal datore di lavoro, si applica per una quota non superiore al 25% del reddito annuale e per un massimo di 50mila euro.

Leggi anche: Pensioni minime, quanto sarà davvero l’aumento deciso da Giorgia Meloni

Infine verrà detta la parola stop riguardo l’adeguamento delle multe alla variazione Istat per i prossimi due anni. Di seguito, vi riportiamo ciò che si può leggere nel testo “In considerazione dell’eccezionalità della situazione economica a decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge, per gli anni 2023 e 2024, è sospeso l’aggiornamento biennale delle sanzioni amministrative pecuniarie in misura pari all’intera variazione, accertata dall’Istat“.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *