rivoluzione-twitter,-addio-alle-‘fake-news’:-nascono-le-etichette

Rivoluzione Twitter, addio alle ‘fake news’: nascono le etichette

E’ in arrivo su Twitter un nuovo strumento per combattere le fake news e le informazioni fuorvianti. La contromossa del social network: nascono le etichette

Twitter logo
Twitter logo (GettyImages)

E’ il social network più utilizzato, per distacco, nell’utilizzo delle news, delle informazioni e dalle testate giornalistiche. Non solo, politici, esponenti dei partiti, presidenti e società sono soliti utilizzare ormai Twitter come canale di comunicazione per dichiarazioni ufficiali e molto altro. Insomma, se nell’era del covid il web ci ha insegnato a stare alla larga dalle fake news, il mondo dei social hanno provato a difendere i propri utenti.

In questa logica, la nota piattaforma americana, ha studiato un metodo grafico per individuare le notizie fuorvianti, quelle veritiere e quelle degne di essere lette. La trovata sarebbe quella di un’etichetta, da affiancare al post, al tweet o alla notizia, da introdurre prossimamente.

Fake news, Twitter corre ai ripari

Twitter logo
Twitter logo (GettyImages)

E’ un momento molto delicato per l’informazione sul web. Negli ultimi due anni infatti, più che mai, il flusso di notizie su argomenti di caratura internazionale (siano essi pandemie o “colpi di stato) hanno avuto a che fare inesorabilmente con il mondo dei social network. Ma come difendere le persone, gli utenti, dalle notizie false, e come incanalare la gente verso una comunicazione più pulita?

La trovata di Twitter è stata quella di un’etichetta, con tre criteri. Il team di Twitter, come riporta l’Ansa, è attualmente al lavoro: Ricevi le ultime informazioni, Rimani informato, Fuorviante. Sull’argomento sono intervenute sia la ricercatrice  Jane Manchun Wong, che Yoel Roth, responsabile dell’integrità del sito. Si è parlato di novità di design, con le etichette, che tratteranno la disinformazione. Non ci sono al momento date ufficiali sull’introduzione di tale novità, in ogni caso la società aveva già introdotto nei mesi scorsi un banner con l’avviso di leggere il contenuto prima di retweettarlo.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *