roma:-convegno-sul-rischio-educativo-nel-linguaggio-dei-media-–-aldo-maria-valli

Roma: convegno sul rischio educativo nel linguaggio dei media – Aldo Maria Valli

Cari amici di Duc in altum, ricevo questo comunicato dall’Associazione Non si tocca la famiglia.

*** 

“Il rischio educativo nel linguaggio dei media”. Per una riflessione ampia, pacata e su basi scientifiche

Cambia sede il convegno sul tema “Il rischio educativo nel linguaggio dei media”, che si sarebbe dovuto svolgere a Roma, nel pomeriggio di domani venerdì 28 ottobre, nella Sala della Protomoteca in Campidoglio. Nonostante la richiesta di utilizzo della sala fosse stata presentata diverse settimane fa dal consigliere comunale Fabrizio Santori, a poche ore dall’apertura dei lavori il Campidoglio non ha ancora fornito una risposta ufficiale. “Sembra proprio un boicottaggio silenzioso del nostro evento, che ha solo lo scopo di offrire una riflessione ampia, pacata e scientifica sulle dubbie modalità con cui spesso vengono accompagnate le richieste di transizione di genere che coinvolgono tanti minori e anche le loro famiglie”, dichiara Giusy D’Amico, presidente di Non si tocca la Famiglia, l’associazione organizzatrice del convegno in collaborazione con l’Osservatorio di Bioetica di Siena, a cui hanno aderito molte altre realtà come Family Day, CitizenGo, Tempi, Ditelo sui tetti, Associazione medici cattolici italiani (Amci), Observatoire La Petite Sirène e Genitori De Gender. “Il boicottaggio del Campidoglio e le assurde accuse che ci sono giunte da alcuni esponenti dello staff di Gualtieri naturalmente non ci fermano”, spiega Giuliana Ruggieri, presidente dell’Osservatorio di bioetica di Siena. “Il nostro evento infatti è confermato per domani proprio a pochi metri dal Campidoglio. Ci confronteremo con medici, psicologi e genitori su come affrontare seriamente e senza ideologie i temi della disforia di genere e della cosiddetta riassegnazione sessuale”.

Il convegno, che sarà ospitato nella Sala Baldini (piazza di Campitelli, 9) a partire dalle ore 16, sarà aperto dalla testimonianza di Elena, una mamma romana che insieme ad altri genitori ha fondato l’associazione Genitori De Gender dopo aver affrontato e fortunatamente risolto la crisi di identità sessuale di sua figlia. Seguirà una tavola rotonda che sarà moderata dal giornalista Emanuele Boffi, direttore della rivista Tempi, e che vedrà la partecipazione di alcuni esperti: Massimo Gandolfini, neurochirurgo, psichiatra e presidente dell’associazione Family Day; Paolo Scapellato, psicologo e psicoterapeuta; e Giusy D’Amico, insegnante e presidente dell’associazione Non si tocca la famiglia. Il convegno si concluderà con l’intervento di Sophie Dechène, portavoce dell’Osservatorio internazionale La Petite Sirène, che presenterà il Manifesto contro la medicalizzazione invasiva della transizione di genere nei minori. Questo Manifesto, nato in Francia e già pubblicato in altri Paesi europei, intende denunciare la propaganda sul cambiamento di sesso nei minori, in voga sui mass media e nei corsi di educazione sessuale a scuola. Il documento è già stato sottoscritto in Italia da numerosi medici, psicologi, docenti e esperti.

Ulteriori informazioni su www.nonsitoccalafamiglia.org

Sei un lettore di Duc in altum? Ti piace questo blog? Pensi che sia utile? Se vuoi sostenerlo, puoi fare una donazione utilizzando questo IBAN:

IT64Z0200820500000400192457

BIC/SWIFT: UNCRITM1D09

Beneficiario: Aldo Maria Valli

Causale: donazione volontaria per blog Duc in altum

Grazie!

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *