sanita-umbria,-buco-di-decine-di-milioni,-porzi-chiede-di-fare-chiarezza

Sanità Umbria, buco di decine di milioni, Porzi chiede di fare chiarezza

Porzi, se si vuol recuperare, Pd verso componente democratica e cattolica
Donatella Porzi

Il consigliere regionale Donatella Porzi (Pd) informa di aver chiesto, con una lettera inviata al presidente della Prima commissione Daniele Nicchi, “la convocazione in audizione di tutti i vertici della sanità umbra compreso l’ex direttore generale Claudio Dario”. “Sarà la prima occasione – spiega Porzi – per chiarire le gravi dichiarazioni dell’assessore Luca Coletto circa la presunta esistenza di un buco di decine di milioni di euro nei conti della sanità umbra. Dichiarazioni gravi, riferite alle passate gestioni, che vengono smentite in modo categorico dai documenti ufficiali. Appare chiaro il tentativo di coprire la disastrosa gestione dell’emergenza Covid-19 e della fase delle vaccinazioni della Giunta Tesei.

Coletto dovrebbe sapere, avendo ricoperto ruoli ministeriali, che nella regolamentazione dei rapporti fra lo Stato e le Regioni l’obbligo regionale di garantire l’equilibrio nel settore sanitario, con riferimento a ciascun anno, costituisce uno degli strumenti essenziali del sistema di governance.

La costruzione di benchmark di spesa e di qualità ha poi progressivamente rafforzato il principio della piena responsabilizzazione delle regioni e conseguentemente implementato l’architettura di un sistema di monitoraggio trimestrale dei fattori di spesa, svolto a livello centrale dal ‘Tavolo degli adempimenti’ del M.E.F. che effettua le verifiche sia a livello di singola Azienda sanitaria che di Regione”.

“Infatti – prosegue Donatella Porzi – sui bilanci del servizio sanitario regionale intervengono controlli a diversi livelli e sotto vari profili: i collegi sindacali delle Aziende, il terzo certificatore della Regione, la Corte dei Conti, una società internazionale di rating e, da ultimo, il ‘Tavolo degli adempimenti’ istituito presso il ministero dell’Economia e delle Finanze che verifica e, se necessario, ridetermina i risultati di gestione dei sistemi sanitari regionali.

Per quanto riguarda l’anno 2016 il risultato di gestione presentava un avanzo di 2,889 milioni di euro. Inoltre la Regione Umbria nel periodo 2013-2018 non solo è riuscita a garantire l’equilibrio economico ma ha anche accantonato risorse per investimenti (pari a circa 140 milioni di euro) destinate all’ammodernamento tecnologico e alla messa a norma delle strutture sanitarie, ad integrazione dei finanziamenti in conto capitale nazionali.

L’audizione sarà quindi il primo momento di verità e chiarezza e l’occasione per chiarire i reali motivi della frettolosa dipartita dell’ex direttore generale alla sanità Claudio Dario che ora appaiono molto più evidenti. Su questa storia – conclude Porzi – andremo fino in fondo e faremo emergere tutte le responsabilità”.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *