spritz:-il-drink-onnipresente

Spritz: il drink onnipresente

a high angle view at an alcoholic drinkPexels.com”,”created_timestamp”:”0″,”copyright”:””,”focal_length”:”0″,”iso”:”0″,”shutter_speed”:”0″,”title”:”a high angle view at an alcoholic drink”,”orientation”:”0″}” data-image-title=”pexels-photo-10014573-1″ data-image-description=”” data-image-caption=”

Photo by Naae Studio on Pexels.com

” data-medium-file=”https://i0.wp.com/www.foodmakers.it/wp-content/uploads/2022/07/pexels-photo-10014573-1.jpeg?fit=245%2C300&ssl=1″ data-large-file=”https://i0.wp.com/www.foodmakers.it/wp-content/uploads/2022/07/pexels-photo-10014573-1.jpeg?fit=780%2C957&ssl=1″ />

Da tempo lo Spritz è andato oltre confine approdando negli States e scalzando molti  aperitivi della Grande Mela (secondo una ricerca del New York Times). Viene chiamato “sole nel bicchiere” perché colorato, fresco, frizzante, e anche lì, come in Italia, è il cocktail più venduto per l’ora dell’aperitivo.  Cresce il numero di bar specializzati nella sua preparazione […]

L’articolo Spritz: il drink onnipresente proviene da Le storie dei protagonisti del Food.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.