turi-(uil):-in-gioco-migliaia-di-posti-di-lavoro,-vogliamo-una-scuola-in-presenza-e-in-sicurezza.-domani-in-piazza

Turi (Uil): in gioco migliaia di posti di lavoro, vogliamo una scuola in presenza e in sicurezza. Domani in piazza

Comunicato Uil – La Uil Scuola domani sarà in piazza con i lavoratori che protestano contro le scelte operate nel decreto del Governo. La manifestazione indetta da Cgil, Cisl e Uil per “ripartire dal lavoro” ha tra i suoi temi centrali la proroga dei licenziamenti e la sicurezza sul lavoro.

Nella scuola un insegnante su quattro è precario – sottolinea il segretario generale della Uil Scuola, Pino Turi – siamo arrivati ad avere 200 mila insegnanti con contratti a tempo. Un sistema scolastico che guardi al futuro non può reggersi con questi livelli di precarietà del personale.

La scuola è dentro un grande fraintendimento che ha risvolti politici con conseguenze pratiche gravissime.

Nello stesso giorno, con la mano destra il Governo si impegnava con le segreterie confederali di Cgil, Cisl e Uil firmando il patto sulla scuola; con la mano sinistra varava un decreto che offre ristori e sostegni al Paese ma non al personale della scuola a cui riserva solo ulteriori impegni lavorativi come se la pandemia fosse stata un periodo di ferie.

Sono in gioco migliaia di posti di lavoro, vogliamo una scuola in presenza e in sicurezza, con le persone in organico già a settembre – piega Turi – per questo ci sarà una rappresentanza della Uil Scuola domani davanti a Montecitorio con le confederazioni per rivendicare sicurezza e lavoro per i nostri lavoratori che meritano rispetto.

Che ci sia bisogno di stabilità e certezze lo confermano anche le iniziative dei tanti coordinamenti di precari che – osserva Turi – guardiamo con simpatia ed attenzione, che hanno smesso di litigare e protestano insieme per gli stessi obiettivi da noi rivendicati.

Torneremo a far sentire la voce di protesta del mondo della scuola contro provvedimenti legislativi che intervengono su materie contrattuali, come orari e lavoro, il prossimo 9 giugno, con gli altri sindacati della scuola.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *