vaiolo-delle-scimmie,-l’epidemiologo-ciccozzi:-“vaccino-solo-per-gruppi-a-rischio.-attenzione-all’igiene-ma-niente-allarmismi”

Vaiolo delle scimmie, l’epidemiologo Ciccozzi: “Vaccino solo per gruppi a rischio. Attenzione all’igiene ma niente allarmismi”

Il punto dell’esperto

Redazione — 27 Luglio 2022

Vaiolo delle scimmie, l’epidemiologo Ciccozzi: “Vaccino solo per gruppi a rischio. Attenzione all’igiene ma niente allarmismi”

“Oggi ci sono 9600 persone contagiate nei paesi dell’Unione Europea, 16mila in tutto il mondo e 5 decessi. Quindi, con un tasso di letalità  dello 0,003 per cento. Abbastanza basso“. Così l’epidemiologo Massimo Ciccozzi a Riformista.Tv commenta i casi di vaiolo delle scimmie registrati nelle ultime settimane. Sul periodo di incubazione, prosegue: “Di circa 1-2 settimane, poi iniziano i sintomi che sono mal di testa, astenia, febbricola e mialgie varia. Ciò che lo contraddistingue molto è la comparsa di rash cutanei, vescicole purulente che possono infettare le altre persone. La malattia è autolimitante. Può prevedere il ricovero per il fatto di essere infettante con le vescicole che si rompono facendo uscire il materiale liquido”.

Sulle modalità di trasmissione, Ciccozzi precisa: “A distanza molto ravvicinata attraverso le goccioline di saliva per un periodo di tempo lungo e maggiormente con contatti sessuali tramite fluidi biologici, quindi contatti pelle a pelle. Ecco perché vanno usati i profilattici in maniera preventiva”.

Al Riformista.Tv l’epidemiologo conclude sulla cura: “C’è un vaccino che serve per il vaiolo umano ma sembra che possa anche funzionare per il vaiolo delle scimmie. Verrebbe consigliato soltanto per alcuni gruppi a rischio. In generale le comuni regole igieniche vanno salvaguardate e assolutamente adottate proprio per evitare ulteriori contagi”.

© Riproduzione riservata

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.