venezia,-borghi-amaro:-quanti-film-brutti.-il-cinema-del-mainstream-stanca-e-non-riempie-le-sale-–-secolo-d'italia

Venezia, Borghi amaro: quanti film brutti. Il cinema del mainstream stanca e non riempie le sale – Secolo d'Italia


10 Set 2022 21:07 – di Lara Rastellino

Borghi

L’amaro sfogo dell’attore Alessandro Borghi, risuona al Lido come un grido d’allarme misto a un urlo di dolore e rimpianto per la perdita di mordente e l’emorragia di spettatori che attanagliano il nostro cinema. E così, accompagnando il film – fuori concorso, sezione Orizzonti – di Francesco Carrozzini, The Hanging Sun, che ha chiuso questa edizione senza gloria – senza infamia e senza lode – della Mostra del Cinema di Venezia, in ore di bilanci (e soliti premi), non ha potuto fare a meno di gridare tutta la sua amarezza e il suo disappunto per lo stato in cui versa il cinema italiano. Una scuola d’autore e attori in crisi di idee, e a cui diventa sempre più difficili guardare a un pubblico disaffezionato. E rimpinguare casse che languono…

Mostra di Venezia: l’amaro sfogo di Alessandro Borghi

Per riportare la gente nelle sale cinematografiche italiane «ci vuole intanto il coraggio e lo sforzo produttivo, che spessissimo in Italia non c’è», tuona l’attore. Che  prosegue nella sua intemerata asserendo: «Poi c’è la promozione, cioè far sapere che c’è quel film in sala. Ma il problema più grande, a parer mio, è che si fanno film brutti. Io continuo a vederne tantissimi, e ogni volta mi chiedo: ma con registi della madonna, attori della madonna, perché hanno fatto questo film?». Non la manda a dire Alessandro Borghi, e dal red carpet di Venezia lancia l’allarme su uno stato dell’arte che langue e annaspa.

Borghi: «Voler fare film che piacciono a tutti è il miglior modo per fallire»

«Credo che sia perché, seppur in modo diverso, ciascuno qualche modo nel farlo sia influenzato dal chiedersi cosa piace al pubblico. E cerchi di fare film che piacciono a tutti. Ecco: è il modo migliore perché non piacciano a nessuno», sottolinea Borghi analizzando la crisi delle sale italiane. Di più. L’attore racconta: «Quattro giorni fa ero a Londra. Come sempre, vado all’IMax e vedo qualunque film riesca a vedere. Lì il biglietto costa 28 sterline, e la sala era piena. È vero che era Top Gun Maverick, ma vedere quella sala piena – incalza l’attore – mi ha fatto un effetto strano. Quest’anno ci sono stati dei film che non hanno fatto i numeri che facevano prima del Covid, poi esce Spiderman e fa 47mila miliardi. Quindi significa che meccanicamente la gente esce ancora per andare al cinema. Dunque mi sono chiesto cosa ci sia nel mezzo».

Il cinema del mainstream ha stancato e disaffezionato il pubblico

E, a giudicare dal suo sfogo, si è dato anche una risposta. e infatti Borghi prosegue: «La responsabilità è quella di riuscire a convincere queste persone che non c’è soltanto il cinema mainstream a cui portare i figli. Ma c’è anche un sacco di altra roba che vale la pena di andare a vedere». Un problema molto sentito dall’attore italiano, protagonista del thriller noir presentato a Venezia con una produzione internazionale. E che vede tra i protagonisti anche Jessica Brown Findlay, Sam Spruell, Frederick Schmidt e Raphael Vicas.

Sos di Borghi, basta guardarci all’ombelico…

Borghi, protagonista al centro di una storia tratta dal best seller di Jo Nesbo Sole di Mezzanotte. E un attore che denuncia le strettoie claustrofobiche che stanno danneggiando il nostro cinema. Un interprete pronto a raccontare e deciso nel denunciare, tra le righe, la necessità di poter uscire da quella dimensione angusta delle produzioni di casa nostra formato “due camere e cucina”, che nell’ammiccare ai salotti radical chic, guardano all’ombelico del Paese. Perdendo di vista ciò che c’è oltre un orizzonte ben più ampio…

Commenti

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.